Random quote: Non puoi mancare Lambi, anche perchè se dovesse mancare una griglia per la carne, sapremmo dove andarla a prendere, lasciandoti però lo stemma Alfa!! (Molara che cerca di convincere Lambi a partecipare al suo raduno)
- (Added by: Teo159)
Sezione Mondo Alfa Romeo :: Forum "Fiat Notizie"

Topic: FIAT - Azienda e mercato

Moderatori: Amministratori, Moderatori
KOKAL
Inserito 1/12/2009 2:22 PM (#248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
Apro questo thread per convogliare qui tutte le notizie circa gli stabilimenti del gruppo (escluso quello di Pomigliano per il quale esiste il thread apposito in "mondo alfa romeo").

L'ad del Lingotto dopo l'incontro con il ministro dello Sviluppo economico

Marchionne: «Confermo l'impegno Fiat. Su Termini Imerese nulla di nuovo»

«Non abbiamo parlato di incentivi. Produzione di 900 mila auto in Italia non è obiettivo astronomico»


ROMA - «Abbiamo confermatol'impegno della Fiat per il Paese» e sullo stabilimento di TerminiImerese «non c'è niente di nuovo e non abbiamo parlato di incentivi».Sono le dichiarazioni dell'amministratore delegato della Fiat, SergioMarchionne, dopo l'incontro con il ministro dello Sviluppo economico,Claudio Scajola. «A Termini dal 2011 non si faranno più auto, maqualcosa di diverso che ancora non si sa. È un discorso che ha una baserazionale ed economica, abbiamo condiviso questi dati con il ministro.Quello che può cambiare è l'impegno per uno sviluppo diverso per quellostabilimento».

CONFRONTO - Marchionne haindicato la possibilità di un confronto con il ministero sullestrategie industriali in Italia di Fiat per mettere a punto un pianoentro la riunione con governo e parti sociali a Palazzo Chigi «il 21 oil 22 dicembre». Pensare di portare la produzione auto di Fiat inItalia intorno a 900 mila vetture l'anno «non è un numero astronomico»,ha aggiunto l'ad del Lingotto.


SCAJOLA - L'incontro è servitoper «un confronto per chiarire i dati e per continuare un percorso didialogo tra la Fiat e il governo», ha concluso Scajola, indicando chec'è un accordo per portare avanti «nelle prossime settimane unconfronto intenso. Ho ricordato a Marchionne come l'obiettivo delgoverno sia mantenere la competitività di tutto il settore auto inItalia, consentendo un utilizzo efficiente degli stabilimenti Fiat nelnostro Paese». Sullo stabilimento di Termini Imerese, il ministro haaggiunto che «con Fiat stiamo ragionando su un discorso complessivoriguardante tutti gli stabilimenti in Italia. Saranno valutate ipotesidi riconversione produttiva di Termini».



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
KOKAL
Inserito 23/12/2009 2:02 AM (#251462 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat, in Italia investimenti per 8 miliardi. Niente più auto aTermini Imerese da fine 2011: Marchionne, "possibile riconversione"


Prime notizie dall’incontro odierno a Palazzo Chigi tra Fiat, il Governo e le parti sociali: Sergio Marchionne ha annunciato un piano che prevede per il nostro paese investimenti pari a 8 miliardi di euro. La cifra sarà erogata nel corso del biennio 2010-2011, come ha spiegato l’ad.

Marchionne ha evidenziato come il piano Fiat sia ambizioso “soprattutto per quanto riguarda l’Italia”. Il numero uno di Torino ha puntualizzato che la casa non intende sacrificare completamente “la sua responsabilità sociale” sull’altare del “puro calcolo economico dei costi industriali”, allo scopo di evitare le facilmente immaginabili ripercussioni in termini di occupazione. D’altro canto è anche vero secondo Marchionne, che la sola attenzione alle tematiche sociali “condurrebbe alla scomparsa dell’azienda”.

Il manager ha poi dichiarato che il mercato dell’auto nel 2010 si confermerà sui livelli del 2009 ed ha ribadito la bontà dell’accordo con Chrysler, definito addirittura “fondamentale” per la futura crescita di Fiat. Le cattive notizie sono tutte per Termini Imerese: la fabbrica siciliana non produrrà più auto da fine 2011 perché “ lo stabilimento è in perdita e Fiat non può più permettersi di tenerlo aperto”. Marchionne ha infine affermato che la casa è disposta a trattare una riconversione della fabbrica con la Regione Sicilia ed eventuali investitori interessati alla sua acquisizione.



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
KOKAL
Inserito 23/12/2009 5:13 PM (#251545 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
155 DTM
Inserito 23/12/2009 4:57 PM (#251538 - in reply to #1800)
Quote Reply Edit Delete


Utente
Posts: 44
29,90 ore

25

147 120 Cv '06;166 Excl '03;KawaZ750 '07;500L '72

(82.61.66.44)
Fiat: il "Piano per l'Italia" nel dettaglio.

Ecco nel dettaglio il “Piano per l’Italia” di Fiat che Sergio Marchionne ha presentato nella giornata di ieri, durante l’incontro tenutosi a PalazzoChigi con Governo e parti sociali. Il piano industriale riguarda tutti i siti produttivi del nostro Paese e prevede un’investimento di oltre 8miliardi di euro, soprattutto, nel reparto Ricerca & Sviluppo tra il 2010 e il 2011. Circa due terzi di questi finanziamenti verranno investiti in Italia per garantire il livello occupazionale odierno incrementando anche il livello produttivo attraverso l’ingresso di nuovi modelli per tutti i quattro brand di Fiat Group Automobiles. Nei prossimi 2 anni, debutteranno ben 30 modelli, di cui 17 di nuova concezione. Gli altri 13 saranno aggiornamenti o facelift di modelli attualmente in commercio. Nel 2010, oltre alle già citate tre vetture Abarth - 500C, Punto Evo e 500 TC - arriveranno anche la nuova Fiat Doblò e il Fiat Doblò Cargo, nonché la nuova Alfa Romeo Giulietta che verrà assemblata nell’impianto di Cassino. Ma la novità più interessante è rappresentata dalla inedita SUV di Fiat, vale a dire il primo modello sviluppato in joint venture con Chrysler.Inoltre, tutti i motori sviluppati da Fiat Powertrain Technologies saranno adeguati alla normativa Euro 5 e adotteranno il sistema Start&Stop che, quindi, sarà di serie per tutte le vetture del gruppo Fiat. Il prossimo anno debutterà anche il motore bicilindrico 900 MultiAir, conosciuto come SGE, acronimo di Small Gasoline Engine. La prima vettura del Lingotto ad accogliere l’inedito propulsore sarà la Fiat 500.Il motore 900 SGE andrà asostituire l’attuale 1.2 Fire, rispetto a cui presenta dimensioni più compatte, come dimostra anche la massa complessiva inferiore di circa il 20%. Inoltre, il nuovo propulsore garantirà un abbattimento delle emissioni e dei consumi, senza pregiudicare le prestazioni. Lo stesso Marchionne ha così definito l’unità motoristica della New Small Gasoline Engine: “E’ la massima espressione del concetto di downsizing che garantisce minori consumi e basse emissioni senza pregiudicare le prestazioni”. Sono previsti tre diversi step di potenza per il 900 MultiAir: due versioni Turbo da 80 e 105 CV ed una aspirata da 65CV.Quest’ultima sarà disponibile anche nella versione Natural Power a doppia alimentazione benzina e metano.Dopo la 500, il motore 900 SGE MultiAir verrà installato anche sotto ilcofano di altre vetture Fiat come la Punto Evo e l’attuale Panda.Sempre nel 2010, arriveranno gli aggiornamenti di gamma per Fiat Qubo, Fiorino, Alfa Romeo 159 e Lancia Delta, mentre le attuali Ypsilon e Musa saranno sottoposte ad un ultimo facelift. Il prossimo anno debutterà anche l’Alfa Romeo 8C GTA,versione ad alte prestazioni della conosciuta supercar del Biscione,ovviamente realizzata in tiratura limitata. Ma le maggiori novità sono attese per il 2011. La più importante riguarda la Panda che, tra due anni, debutterà in una nuova veste e sarà assemblata nell’impianto Alfasud di Pomigliano d’Arco al ritmo di 290.000 unità annue. Sempre per il 2011 è prevista l’omologa versione di Fiat Professional denominata Panda Van.Inoltre, debutteranno le nuove MPVcompatte di Fiat che saranno disponibili nelle varianti di carrozzeria a 5 e 7 posti. Questi due inediti modelli verranno assemblati nell’impianto di Mirafiori. Poi, è atteso il debutto del secondo modello Fiat sviluppato con Chrysler, vale a dire l’inedita crossover. Le maggiori novità per il 2011 riguardano Lancia che presenterà ben 5 nuovi modelli: la nuova Ypsilon con carrozzeria a 5 porte, la berlina di segmento D che verrà proposta anche nella variante cabriolet,la nuova monovolume che andrà a sostituire la Phedra e la nuova ammiraglia di segmento E che rinverdirà i fasti della Thema.Per quanto riguard aqueste ultime quattro vetture, si tratta di progetti che verranno sviluppati con Chrysler nell’ottica di massima sinergia di cui si parla già da tempo.Per il resto, nel 2011 arriveranno gli aggiornamenti digamma per Fiat Punto Evo, Scudo e Ducato, nonché i facelift per Fiat Linea, Alfa Romeo MiTo e Fiat Strada.Con questo piano,Fiat prevede di innalzare la produzione italiana di auto del gruppo a 900.000 unità annue, a cui si aggiungeranno anche le 220.000 unità annue di Fiat Professional e Iveco.Sempre nel “Piano per l’Italia”, si è parlato dello stop definitivo alla produzione di auto nell’impianto siciliano di Termini Imerese, a partire dal 2011. Invece, è stato confermato anche il piano per il 2011-2012 relativo all’impianto ex Bertone di Grugliasco, dove verranno assemblati due modelli di alta gamma al ritmo di 50.000 unità annue.


A.R.166 Exclusive '03|A.R.147 '06 T.I. restyling|Fiat 500L '72|Kawasaki Z750 '07
[img]http://img403.i...ata2im9.th.jpg[/img]
IL MIO GARAGE ---> http://alfa155.alter...ic.php?f=26&t=47
Le verita' che contano, i grandi principi, alla fine, restano sempredue o tre. Sono quelli che ti ha insegnato tua madre da bambino.
Enzo Biagi

ProfilePrivate messageE-mail
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
cuoresportivo86
Inserito 23/12/2009 5:28 PM (#251548 - in reply to #248358)


1.9 JTDM Owner
Grigio titanio
Posts: 9223
1.700,65 ore

500020002000100100

Taranto
Aggiungo le foto pubblicate con l'articolo



Album: ~ Salone di Ginevra 2009 - Alfa Romeo 159 - Brera e MiTo GTA concept
Schizoid Man
Inserito 23/12/2009 10:10 PM (#251599 - in reply to #248358)


Amministratore
2.0 JTDM SW Owner
Bianco Ghiaccio
[ex 1.9 JTDM SW Owner
Grigio stromboli (2)
Nero carbonio
Grigio Titanio]
"L'euristico"
Utente del mese Novembre 2006

Posts: 9939
4.913,10 ore

50002000200050010010010010025

London
perchè nello stabilimento sevel parlano di ducato e mettono la foto del daily?
Album: ~ 159 2.0 JTDm Bianco Ghiaccio - Allestimento Super ~ Essener Motorshow ~ La seconda 159
KOKAL
Inserito 24/12/2009 2:06 PM (#251671 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Operai Fiat: "Il piano di rilancio per le fabbriche italiane è un calcio nel sedere"


Insorgono gli operai Fiat contro il piano annunciato da Marchionne: “I piani di conversione sono calci nel sedere agli operai” ha tuonato uno dei tanti dipendenti Fiat che si sono riuniti dinanzi a Palazzo Montecitorio per manifestare contro il piano studiato dai vertici Fiat.

Gli operai, provenienti soprattutto dalla Sicilia e da Pomigliano d’Arco (gli stabilimenti che verranno maggiormente stravolti secondi i nuovi criteri di produzione), hanno manifestato per ore esplodendo in un fragoroso boato all’annuncio ufficiale dello stop alla produzione.

“Sono quarant’anni che facciamo auto, vogliamo continuare a farlo, anche e soprattutto senza Fiat”. “Siamo pronti anche ad occupare lo stabilimento, questo è solo il primo round”. “Abbiamo fatto 30 ore di viaggio per venire qui, ci hanno bloccato, blindati, trattati come ladri, invece veniamo solo a manifestare per il nostro lavoro”. Queste alcune delle dichiarazioni raccolte fra la folla di manifestanti.“Operai vecchi da pensionare – ha affermato uno dei portavoce del gruppo di operai di Termini Imerese - non ce ne sono più. A quelli giovani toccano almeno 30 anni di fatica, e così non si può mantenere una famiglia”.


Tristezza e voglia di certezze anche fra gli operai campani: “Bastano dieci operai per fare la Panda. Il costo del lavoro e il numero di operai necessario a fare la Giulietta è ben diverso” (con il nuovo piano infatti la city-car Fiat verrà prodotta a Pomigliano mentre cesserà la produzione delle auto del biscione). “O ci sono grandissimi ordinativi, oppure andiamo a casa in tanti. – ha detto un delegato sindacale presente di fronte a Palazzo Chigi, proseguendo - Per rimanere lo stesso numero di operai ci vuole il doppio degli ordinativi attuali, ma noi vogliamo lo sviluppo.Abbiamo presentato la richiesta per autoveicoli verdi, da prodursi anche con il sostegno della Regione Campania”.

Ma a protestare ci sono anche i dipendenti dello stabilimento di Avellino, della Fma, che produce motori di cilindrata da 1.600 in su: “Tipologie per cui non abbiamo avuto neanche una lira di incentivi –spiega Domenico, un operaio della fabbrica - è un anno e mezzo che siamo in cassa integrazione, e sul nostro futuro da questo incontro non è uscita nemmeno una parola. Non sappiamo cosa pensare”.

Sono dure le parole che Domenico ha aggiunto prima di lasciare la piazza senza aver ottenuto alcuna risposta: “La cosa che mi fa più impazzire è che il Governo a Marchionne fa i complimenti per l’operazione Chrysler. E invece Marchionne passerà sì alla storia, ma come il manager che ha chiuso gli stabilimenti in Italia”.



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
KOKAL
Inserito 28/12/2009 3:06 PM (#252046 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat: i progetti sospesi e mai portati a termine


Progetti Fiat sospesi e mai conclusi


Dopo la presentazione del “Piano per l’Italia” di Fiat da parte di Sergio Marchionne, molti estimatori dei quattro brand del Lingotto hanno manifestato il loro disappunto nei confronti del programma che prevede, tra il 2010 e il 2011, trenta novità tra nuovi modelli e aggiornamenti di quelli esistenti. Questi malumori tra gli appassionati di Fiat, Lancia, Alfa Romeo e Abarth nascono dal fatto che nel prossimo biennio non arriveranno quei modelli carichi di fascino, prestigio e riconoscimento storico che in passato sono stati più volti annunciati e che, alla fine, non sono mai giunti nelle concessionarie e sulle nostre strade.

E’ dai tempi dell’accordo del 2000 con General Motors che si parla di rilanci, soprattutto per Lancia e Alfa Romeo. Ebbene, abbiamo elencato tutti i progetti relativi all’entrata di nuovi modelli che, nel corso degli anni, sono stati sospesi o addirittura mai portati a termine. Altri, invece, sono stati conclusi con un certo ritardo. I motivi che hanno portato i vari management che si sono susseguiti negli anni a queste decisioni sono molteplici. Prima di tutto, la crisi che ha colpito il gruppo Fiat subito dopo la stipula della joint venture con GM. A quei tempi, era prioritario sviluppare auto che permettessero di evitare il fallimento. In seguito, il gruppo ha deciso di concentrarsi su modelli che fossero più redditizi.

Fatte queste premesse, cominciamo l’analisi cronologica di tutti i progetti “poco fortunati” del Lingotto. Nel 2004, avrebbero dovuto debuttare due varianti di modelli già esistenti e di successo. La prima era la versione a 3 porte della Fiat Panda che avrebbe prima affiancato e poi sostituito la “vecchia” Seicento. La seconda era l’Alfa Romeo 147 Q4, ovvero la versione a trazione integrale che sarebbe stata introdotta assieme al restyling della compatta di Arese e avrebbe condiviso la meccanica con la Alfa 156 Q4, nata qualche anno prima. Quindi la sua realizzazione non avrebbe comportato un aggravio di costi, ma alla fine il progetto è stato archiviato senza che la vettura sia mai entrata a listino.


Progetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusi


 

Progetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusi


Nel 2005, invece, erano attese ben 6 novità. La prima era la Fiat SUV compatta, una sorta di concorrente delle versioni a 3 porte delle giapponesi Toyota Rav4 e Suzuki Grand Vitara. Il progetto poi ha preso una forma diversa, vale a dire quella della Sedici sviluppata in collaborazione proprio con Suzuki. Inoltre, sarebbe arrivata la seconda generazione della Fiat Multipla - sempre caratterizzata dallo schema interno 3+3 - e la nuova Lybra, vale a dire la versione Lancia della Fiat Croma che debuttò proprio quell’anno. Sempre per il 2005 era previsto il ritorno del brand Abarth, ma il primo modello designato a far rivivere i fasti dello storico Scorpione doveva essere la Panda, equipaggiata per l’occasione con il 1.3 MultiJet con potenza incrementata a 105 CV.Questo motore è poi finito sotto il cofano della Lancia Ypsilon che, al Salone di Ginevra, fu presentata nella versione Sport allestita da Zagato e mossa dal 1.9 MultiJet da 150 CV. Sfortunatamente, la vettura rimase allo stato di concept car. Ma la novità più attesa per la fine del 2005 era l’Alfa Romeo 169, erede dell’Alfa 166 che sarebbe stata sviluppata sul pianale Premium dell’Alfa 159, nell’ambito del progetto da cui sarebbero nate anche le nuove Lancia Thesis, Opel Omega e Saab 9-5.

Nel 2006 si sarebbe dovuta vedere anche la Fiat Grande Punto nella variante station wagon, ma le novità più importanti riguardavano Alfa Romeo. Infatti, già per quell’anno doveva essere pronta lasostituta dell’Alfa 147, inizialmente conosciuta come Alfa 149.Poi, sappiamo tutti come andata. Il 2006, però, doveva essere ricordato come l’anno del debutto della tanto attesa SUV che sarebbe derivata dalla concept Kamal, presentata qualche anno prima. Si parlò anche di un coinvolgimento di Maserati nel progetto, interessata a creare la versione di serie della crossover Kubang. Ovviamente, entrambe le auto non hanno mai visto la luce.

L’altro anno ricco di novità doveva essere il 2007. Erano attese le nuove generazioni delle Lancia Thesis, Phedra e Fiat Ulysse. Le monovolumi dovevano essere riproposte in una nuova veste, sempre in collaborazione con Peugeot e Citroen.Invece, le nuove generazioni dei quattro MPV non arriveranno mai perché l’accordo tra Fiat e PSA in questo settore si concluderà nel 2011 e la nuova Phedra deriverà dalla Chrysler Grand Voyager. Oltre alla Fiat 500, nel 2007 doveva arrivare anche la sostituta della 600: la Topolino,di cui ultimamente si sono perse un pò le tracce. Inoltre, erano attesi tre nuovi modelli che avrebbero confermato il presunto interesse del gruppo torinese nei confronti dei nuovi segmenti: la crossover di Fiat da realizzare sul pianale Epsilon della Croma, la SUV Lancia Pangea gemella della Fiat Sedici e la nuova Alfa Romeo Crosswagon su base Alfa 159.

Proprio l’Alfa Romeo 159 doveva essere oggetto di un profondo restyling nel 2008, anno in cui sarebbe arrivata anche la seconda generazione della Fiat Doblò che, invece, debutterà sul mercato a gennaio 2010. Quest’anno avremmo dovuto assistere al debutto di 6 nuovi modelli, di cui quattro di nuova concezione. Dopo l’Alfa 159, il profondo restyling avrebbe dovuto interessare anche le sportive Brera e Spider, ma il 2009 doveva essere l’anno della nuova Lancia Ypsilon, secondo la teoria 3+3, ovvero restyling e nuovo modello ogni tre anni. Le altre importanti novità avrebbero riguardato Fiat con l’arrivo della tanto attesa variante station wagon della Bravo, la nuova Uno che dovrebbe sostituire la Punto Classic e la crossover su base Bravo che avrebbe sostituito la Multipla, la cui produzione cesserà nei prossimi mesi. Per l’anno prossimo erano attese anche le nuove generazioni della Fiat Panda e delle MPV Idea e Lancia Musa.


Progetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusi


Con la presentazione del “Piano per l’Italia” si son perse le tracce di altri modelli fondamentali, soprattutto per l’immagine del gruppo e attesi proprio per l’inizio del nuovo decennio, come le Alfa Romeo Giulia, Mito GTA e Cabriolet. In passato, si è parlato anche della commercializzazione in Europa per la Fiat Linea e della nuova Croma, mentre dal piano emerge che l’attuale uscirà di produzione tra il 2010 e il 2011. Ma le vere “vittime” sono le più volte annunciate sportive di piccola dimensione, come le Abarth Bravo e l’anti Lotus Elise a motore centrale, nonché le Lancia Deltina a 3 porte, la coupé-cabriolet derivata dalla concept Fiat Suagnà di Bertone e la tanto sognata versione di serie della Fulvia Concept del 2003, tutte da realizzare sulla piattaforma di Punto Evo e MiTo.


Progetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusi


Tra le altre cose, Marchionne non ha più parlato della gamma low cost composta da tre differenti tipologie di auto che potevano riportare in auge marchi storici come Autobianchi e Innocenti. Oltre alle auto, non sono stati portati a termine anche alcuni progetti di Powertrain, come il 3.0 JTD V6 di origine Isuzu e il potente 3.0 JTDm V6 sviluppato con VM Motori,entrambi destinati ad essere alloggiati sotto il cofano delle vetture alto di gamma di Alfa Romeo. Si sono arenate anche alcune alleanze per la Casa del Biscione, come l’integrazione con Maserati, la joint venture con Mini e il tanto atteso ritorno negli Stati Uniti, previsto inizialmente per il 2005 e ora posticipato al 2011. Nel frattempo, però, Fiat ha preferito concentrarsi su altri programmi come la 500, la Lancia Delta, l’Alfa Romeo MiTo e la rinascita di Abarth e anticipare le scelte future alleandosi con Chrysler, nella previsione di creare un gruppo da 6 milioni di auto all’anno che permetta al Lingotto di rivestire ancora un ruolo da protagonista nelmondo dell’auto.


Progetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusiProgetti Fiat sospesi e mai conclusi



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
sgatto
Inserito 28/12/2009 4:27 PM (#252066 - in reply to #251671)


2.4 JTDM Owner
Nero oceano
Posts: 14246
5.613,23 ore

500050002000200010010025

Castelli romani
KOKAL - 24/12/2009 2:06 PM
E invece Marchionne passerà sì alla storia, ma come il manager che ha chiuso gli stabilimenti in Italia”.


C'è da chiedersi per cosa passeranno alla storia le fabbriche Alfa Romeo...


Album: ~ Alfa del passato e del presente ~ Secondo raduno abruzzese 17-28 09 2011 ~ Stranezze
cuoresportivo86
Inserito 6/1/2010 5:03 AM (#253092 - in reply to #248358)


1.9 JTDM Owner
Grigio titanio
Posts: 9223
1.700,65 ore

500020002000100100

Taranto

Fiat-Sollers, GM-Gaz, Hyundai Kia-Izhavto: queste le nuove alleanze automobilistiche in Russia?

Tempo di nuove alleanze fra i costruttori europei , americani, asiatici e quelli russi: Fiat e GMsono tra le principali candidate a stipulare nuove partnershipautomobilistiche in Russia. Secondo il direttore del dipartimentodell’industria automobilistica e della produzione delle macchineagricole del ministero dell’industria, Alexiei Rakhmanov, Fiat potrebbeallearsi con Sollers (con cui già ci sono rapporti commerciali).

Il colosso americano potrebbe invece stabilire rapporti con Gaz. Il gruppo coreano Hyundai-Kiasarebbe invece abbinabile alla Izhavto. Rakhmanov ha tuttavia precisatoche sono ancora in corso negoziati e che non e’ stata presa alcunadecisione ufficiale.

Chavez minaccia Toyota, GM, Ford, Mitsubishi e Fiat: "Condividano tecnologie o verranno cacciate"

Hugo Chavez, presidente del Venezuela, manda un ultimatum aicostruttori stranieri, tra cui Fiat: devono condividere le lorotecnologie con le aziende locali e produrre vetture adatte alle areerurali, o verranno cacciate dal paese. La minaccia è diretta nellospecifico a Ford, General Motors,Mack, Mitsubishi, Toyota e Fiat, questa tramite impianti Chrysler e Iveco.

Se le richieste non saranno rispettate, le suddette casecostruttrici “sono invitate a fare fagotto e andarsene. Farò venire irussi - ha affermato il presidente - i bielorussi e i cinesi”. Nel 2008sono state 135.042 le unità costruite negli stabilimentiautomobilistici venezuelani tra auto e veicoli industriali. Ciònonostante il controllo sui cambi valutari ad opera del governovenezuelano che mette i costruttori in difficoltà per il reperimento difondi necessari per procurarsi le forniture dall’estero.





Album: ~ Salone di Ginevra 2009 - Alfa Romeo 159 - Brera e MiTo GTA concept
cuoresportivo86
Inserito 7/1/2010 5:18 PM (#253302 - in reply to #248358)


1.9 JTDM Owner
Grigio titanio
Posts: 9223
1.700,65 ore

500020002000100100

Taranto

Termini Imerese: una cordata italiana per produrre auto elettriche


Una cordata di imprenditori italiani potrebbe risollevare le sorti della fabbrica siciliana di Termini Imerese. Dopo l’annuncio da parte di Sergio Marchionne della fine della produzione automobilistica Fiat nel 2011 e le polemiche con il ministro Scajola,è giunta infatti notizia che l’imprenditore e finanziere sicilianoSimone Cimino, presidente della societa’ di private equity Cape,sarebbe pronto a guidare una cordata di imprenditori per dare un futuroal polo industriale.

L’operazione prevede l’investimento di 200 milioni di Euro pertrasformare Termini Imerese in un centro di assemblaggio per autoecologiche con propulsione elettrica con batterie al litio o fotovoltaica,pensate per l’uso nei centri abitati ed anche da utilizzare nell’ambitodelle iniziative turistiche dell’isola. L’operazione è subordinataanche alla future decisioni in merito agli incentivi da destinareall’acquisto di auto di questo genere, un argomento che sicuramentesarà al centro dell’attenzione molto presto dal momento che molte casecostruttrici internazionali stanno investendo nel settore.


Album: ~ Salone di Ginevra 2009 - Alfa Romeo 159 - Brera e MiTo GTA concept
KOKAL
Inserito 8/1/2010 6:51 PM (#253552 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat: sciopero generale CGIL contro la chiusura di Termini Imerese


La CGIL ha annunciato lo sciopero generale nazionale per contestare il piano industriale Fiat che prevede lo stop della produzione di auto a Termini Imerese a partire dal 2012. Ancora non è stata presa una decisione definitiva sulla data della giornata di protesta, ma il segretario generale della Fiom Gianni Rinaldini, ha parlato comunque di tempi rapidi, probabilmente entro un mese.

Giovedì prossimo le tre sigle Fiom, Fim e Uilm si riuniranno per definire le modalità della protesta, ma a quanto pare si tratterà di uno sciopero di 8 ore. Rinaldini ha parlato della chiusura di Termini Imerese come di una decisione “inaccettabile” e di “un problema nazionale”.

La Fiom ha anche bocciato l’ipotesi Cimino, presentata dall’imprenditore di origini siciliane che aveva annunciato la sua volontà di acquisire lo stabilimento per produrvi auto ecologiche. La cordata suddetta è stata bocciata anche dall’UGL Metalmeccanici che, come dichiarato dal segretario nazionale Giovanni Centrella preferisce “tentare tutte le strade possibili per convincere il Lingotto a continuare a produrre auto a Termini prima di sondare ipotesi alternative”.



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
cuoresportivo86
Inserito 10/1/2010 4:47 PM (#253721 - in reply to #248358)


1.9 JTDM Owner
Grigio titanio
Posts: 9223
1.700,65 ore

500020002000100100

Taranto
Fiat: gli indiani di Reva al fianco di Simone Cimino per comprare Termini Imerese

Secondouna notizia riportata da il Giornale, nel tentativo di acquisireTermini Imerese da Fiat ad opera di Simone Cimino e del suo fondo diprivate equity Cape Natixis sarebbe coinvolto anche Reva, costruttoreindiano sconosciuto ai più, ma noto nell’ambiente per la sua produzionedi piccole auto elettriche.
L’anticipazione per ora non ha ottenutoriscontri ufficiali, ma sembra proprio che gli indiani desiderinoeffettivamente unirsi a Cimino e a Gianni Lettieri, imprenditoreintenzionato a portare in Campania una produzione di batterie agli ionidi litio.
La proposta di Cimino, come dichiarato ieridall’imprenditore stesso, ha l’ambizioso obiettivo di superare -sepossibile-, anche gli attuali livelli occupazionali garantiti dallafabbrica Fiat.


Album: ~ Salone di Ginevra 2009 - Alfa Romeo 159 - Brera e MiTo GTA concept
KOKAL
Inserito 11/1/2010 6:47 PM (#253908 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat: Ancora nessuna offerta per Termini Imerese


Nell’ambito delle dichiarazioni rilasciate da Sergio Marchionne al Salone di Detroit inaugurato oggi, sono stati toccati due temi di fondamentale importanza: Alfa Romeo e Termini Imerese.


Per quanto riguarda l’impianto siciliano, ad una domanda sul conto dell’imprenditore Simone Cimino, il cui nome è stato tirato in ballo negli scorsi giorni in riferimento ad una possibile cordata, Marchionne ha risposto di non aver visto ancora offerte, ma di essere “disponibile a lavorare con tutti” su questo particolare fronte. Il manager ha poi aperto anche nei confronti di un nuovo incontro con il Ministro Claudio Scajola, che potrebbe essere programmato prima della fine di gennaio.



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
KOKAL
Inserito 19/1/2010 5:47 PM (#255002 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat: Simone Cimino annuncia il memorandum d'intesa con Reva per acquisire Termini Imerese


Simone Cimino, imprenditore interessato all’ acquisizione di Termini Imerese ha confermato oggi che presto sarà reso pubblico un protocollo d’ intesa con l’indiana Reva per presentare un’offerta congiunta per lo stabilimento Fiat: la firma del memorandum avverrà “entro il 29 gennaio”, come ha precisato Cimino, intervistato da Dow Jones Newswires.

Il progetto di Cimino e del suo partner indiano è quello di portare la produzione delle piccole auto elettriche di Reva nella fabbrica siciliana. Cimino si è detto ottimista sulla possibilità di firmare il memorandum prima dell’incontro convocato per il 29 gennaio dal Ministro per lo Sviluppo Economico Claudio Scajola per discutere con le parti sociali il destino dello stabilimento.

Tutto pronto dunque? Non esattamente. Il vicepresidente di Reva Chetah Maini ha dichiarato che l’azienda indiana non ha nessun piano per acquisire l’impianto Fiat sottolineato come con Cimino “non c’è nessuna lettera d’intenti formale” ma solo dei colloqui preliminari. Il manager ha comunque confermato che Reva punta a portare una parte della sua produzione in Europa.



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
marco1975
Inserito 19/1/2010 6:16 PM (#255013 - in reply to #248358)


Tutor
2.4 JTDM SW Q4 Owner
Nero carbonio
Utente del mese Agosto 2010

Posts: 3701
811,50 ore

20001000500100100

parigi / ginevra / cuneo

Mi vengono in mente i brillanti piani per creare ad Arese un polo di produzione di vetture elettriche. Come la cosa e' finita, nonostante sussidi statali vari, lo sappiamo tutti.

R.I.P. Termini, impianto che non sarebbe mai dovuto nascere senza certi politici con dei favori da ripagare...

Alfa 159 FOREVER

Album: ~ dedra integrale 1991 grigio quartz - interni alcantara blu ~ Retromobile 2014 Parigi ~ 159 2.4 JTDm Q4 Nero Carbonio - Interni pelle beige
KOKAL
Inserito 20/1/2010 8:51 PM (#255183 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat: si prevede un rosso di 470 milioni nel 2009


Iniziano a circolare le prime ipotesi sui risultati finanziari 2009 che pubblicherà Fiat. Secondo gli analisti, la casa di Torino potrebbe chiudere il 2009 in rosso per 470 milioni di euro. Gli stessi analisti però sono concordi nel prevedere che Fiat tornerà all’utile nel 2010.

Sempre in riferimento al 2009, il risultato della gestione ordinaria si dovrebbe attestare a 1,03 miliardi, rispettando così il target indicato da Sergio Marchionne.Le prime risposte più attendibili in termini finanziari dovrebbero arrivare lunedì, quando si riunirà il consiglio d’amministrazione del Lingotto per esaminare il preconsuntivo 2009.

I conti del gruppo dovrebbero rivelare un miglioramento nel quarto trimestre dell’anno, periodo che dovrebbe aver portato un utile netto di 65 milioni e un risultato della gestione ordinaria di 460 milioni.Si tratta proprio del segnale di inversione di rotta che lascia presagire un 2010 con un utile netto di 535 milioni.




Pensate solo per un attimo a cosa sarebbe stato il 2009 senza incentivi statali.....




Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
KOKAL
Inserito 25/1/2010 3:31 PM (#255896 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat: il 2009 si chiude con una perdita di 800 milioni. Ricavi in calo del 15% ma tornano i dividendi


Logo FiatFiat Group Automobilies ha chiuso l’anno 2009 con una perdita netta di 848 milioni di euro,rispetto ad utili per 1,721 milioni registrati nel 2008. I ricavi diminuiscono del 15,9% a 50,102 miliardi. Il Consiglio di Amministrazione proporrà, durante la prossima assemblea degli azionisti in programma il 26 marzo, la distribuzione di un dividendo complessivo pari a 244 milioni. “La ripresa della distribuzione di dividendi riflette la normalizzazione dei mercati dei capitali quale fonte di finanziamento per il Gruppo, nonché la convinzione che il Gruppo ha la capacità di continuare a generare utili, anche se in un contesto dimercato significativamente differente”, ha spiegato una nota diffusa dal Lingotto.

Il gruppo Fiat ha registrato un utile della gestione ordinaria pari ad 1,1 miliardi, inferiore rispetto ai 3,4 miliardi registrati l’anno precedente, mentre l’indebitamento netto è stato contenuto a 4,4 miliardi (5,9 nel 2008). Entrambi i dati si rivelano migliori dei target indicati. Da sottolineare anche un esponenziale aumento della liquidità, cresciuta da 3,9 a 12,4 miliardi.

Fiat Group Automobilies ha invece raggiungo utili per 471 milioni (-221 milioni) nella gestione ordinaria, con fatturato di 26,3 miliardi (- 2,4%) e 2.150.700 vetture e veicoli commerciali leggeri immatricolate, performance in linea con il 2008. Ben più marcate le difficoltà di Cnh ed Iveco, evidenziate dall’utile della gestione ordinaria in calo a 337 milioni di euro (1,122 miliardi di euro nel 2008) e 105 milioni di euro (838 milioni di euro nel 2008). Per l’anno 2010, FGA si attende ricavi in crescita compresa fra il 3 ed il 6%,utile della gestione ordinaria di 1,5 miliardi di euro e un indebitamento netto inferiore a 5 miliardi.



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
KOKAL
Inserito 26/1/2010 7:26 PM (#256129 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat blocca la produzione per 14 giorni: ordinativi in netto calo


Fiat Auto ha deciso di fermare la produzione di veicoli per 14 giorni,dal 22 Febbraio al 7 Marzo. Saranno coinvolti i siti produttivi di Mirafiori, Termini Imerese, Sevel, Melfi, Cassino e Pomiglianoe la cassa integrazione interesserà circa 30.000 dipendenti: la causa èda ricercarsi nel calo vistoso degli ordinativi nel mese di Gennaio enel previsto calo della domanda per i primi mesi dell’anno 2010, dopola buona chiusura del 2009 grazie allo slancio degli incentivi statali.



No-incentivi....no-party   e Marchionne cala nuovamente la carta cigo che si traduce in una "bomba" da circa 18 milioni di euro per il fondo ammortizzatori sociali che Fiat ha presso l'Inps.

Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
KOKAL
Inserito 27/1/2010 12:15 PM (#256199 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

Fiat: con 750.000 immatricolazioni, il Brasile diventa il primo mercato


Fiat - Brasile primo mercato


Il 2009 verrà ricordato dal gruppo Fiat come l’anno del grande sorpasso. Brasile batte Italia 750.000 a 722.000(unità). Per la prima volta in 111 anni di storia, infatti, il Lingotto ha registrato risultati migliori nel mercato sud-americano piuttosto che nel Bel Paese, dove le immatricolazioni hanno accusato una contrazione dello 0.5% rispetto al +12.6% osservato nell’effervescente Brasile. Sergio Marchionne, amministratore delegato Fiat, ha ammesso di non aspettare il contro sorpasso nell’anno corrente.

Semplicemente perché non vi sono i presupposti, calcolando il nuovo e gradito aumento (+2/3%) nel mercato brasiliano alla luce di una flessione prevista in Italia compresa fra i 5 ed i 20 punti percentuali, a seconda della proroga o meno degli incentivi.Il gruppo Fiat con questa continua crescita ha consolidato il primato assoluto di vendite respingendo gli assalti sferrati da Volkswagen(695,395 vetture) e General Motors (610,836).



Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
cuoresportivo86
Inserito 30/1/2010 4:04 PM (#256731 - in reply to #248358)


1.9 JTDM Owner
Grigio titanio
Posts: 9223
1.700,65 ore

500020002000100100

Taranto
Fiat: acquistato il restante 50% dello stabilimento di Bielsko Biala

Fiat e Fiat Powetrain Tecnologies (FPT) hanno comunicato di voler rompere l’ultimo vincolo industriale ancora in essere con il gruppo General Motors, formulando un’offerta per acquisire la totalità dello stabilimento polacco di Bielsko Biala. Fiat e GM detengono infatti il 100% della quota azionaria, divisa in maniera salomonica (50% ad entrambe) al momento di siglare nel 2005 l’accordo di separazione, nel 2005.
Nel sito produttivo, a circa 350 chilometri di Varsavia, viene prodotto il motore 1.3 Small Diesel Engine nelle sue denominazioni Multijet (per Fiat) e CDTI (per Opel), che verrà presto affiancato dal bicilindrico SGE. General Motors e Fiat Powetrain Tecnologies hanno siglato un accordo negli scorsi per prorogare la fornitura dei propulsori 1.3 e 1.9 a gasolio, di cui GM manterrà i diritti intellettuali. La cessione dello stabilimento dovrebbe concretizzarsi nel prossimo mese di marzo.
Album: ~ Salone di Ginevra 2009 - Alfa Romeo 159 - Brera e MiTo GTA concept
KOKAL
Inserito 2/2/2010 6:48 PM (#257352 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)

I piani di Fiat e Lancia per il biennio 2011-2012




Automotive News ha elencato i modelli Fiat e Lancia che debutteranno nel corso del biennio 2011-2012. Innanzitutto, il Lingotto sarebbe orientato a far scomparire Chrysler e Dodge dall’Europa a partire dal 2011. Alcuni modelli dei due brand americani verranno però commercializzati con i badge delle due Case torinesi. Già quest’anno arriverà la Dodge Nitro restyling che verrà venduta nel Vecchio Continente come la nuova SUV di Fiat.

Nel 2011, oltre alla terza generazione della Lancia Ypsilon, debutterà anche la nuova Fiat Panda. Sempre per l’anno prossimo, sono attese tre novità di Fiat, tutte della categoria MPV. La Ulysse sarà sostituita dalla Dodge Journey che, in occasione del restyling di metà carriera, adotterà gli stilemi di Fiat, soprattutto nella parte frontale. Inoltre, arriveranno le inedite monovolumi compatte a 5 e 7 posti che andranno a sostituire le attuali Idea e Multipla.

Il 2012, invece, sarà dedicato al rilancio del brand Lancia, soprattutto nell’alto di gamma. Il vuoto lasciato da Lybra e Thesis verrà colmato da due nuove berline di segmento D ed E che deriveranno, rispettivamente, dalle nuove Chrysler Sebring e 300C.In più, la nuova vettura media della Casa di Chivasso sarà disponibile anche nella variante cabriolet con tetto ripiegabile in metallo.Infine, la Chrysler Grand Voyager adotterà la calandra Lancia e verrà commercializzata come la nuova Phedra.




Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
marco1975
Inserito 2/2/2010 10:27 PM (#257404 - in reply to #248358)


Tutor
2.4 JTDM SW Q4 Owner
Nero carbonio
Utente del mese Agosto 2010

Posts: 3701
811,50 ore

20001000500100100

parigi / ginevra / cuneo

Interessante... ma stando a 4rotelle la Sebring arriva nel 2011 ed é un copia-incolla dell'attuale Sebring americana tranne la solita calandra e degli interni un tantino più lussuosi (non che ci voglia molto vedendo la versione originale).

Tra l'altro la Sebring misura 4,93 metri per cui dimensionalmente é da segmento E - chissà quanto si cannibalizzerà con la 300C ...

.

Poi stavo pensando alla Nitro con logo Fiat... ma chi se la compra a oltre 30,000 euro ? Un po' meglio la Journey che sarà un po' europeizzata e comincia da 25,000 (e sinceramente mi piace come design, anche se di monovolumi giganti non so cosa farmene dato che siamo 3 in famiglia).

Alfa 159 FOREVER

Album: ~ dedra integrale 1991 grigio quartz - interni alcantara blu ~ Retromobile 2014 Parigi ~ 159 2.4 JTDm Q4 Nero Carbonio - Interni pelle beige
cuoresportivo86
Inserito 4/2/2010 4:14 PM (#257653 - in reply to #248358)


1.9 JTDM Owner
Grigio titanio
Posts: 9223
1.700,65 ore

500020002000100100

Taranto
Fiat: ecco il piano Cimino-Reva per salvare Termini Imerese

Il Giornale ha svelato i piani di Simone Cimino e degli indiani di Reva per rilevare la fabbrica Fiat di Termini Imerese, destinata alla chiusura a fine 2011. Il consorzio italo-indiano sarebbe pronto ad investire 930 milioni di euro, che andrebbero a sommarsi a 480 milioni erogati dallo Stato e ad altri 280 dalla Regione Sicilia.
La cordata Cimino-Reva promette non solo di salvaguardare i 1400 lavoratori attuali, ma anche di creare 2000 ulteriori posti di lavoro grazie alla rete di infrastrutture che dovrebbe nascere nell’isola. Gli obiettivi industriali sono ambiziosi: si parla di decine di migliaia di auto elettriche prodotte ogni anno.
Reva pensa ad una commercializzazione che abbia il suo baricentro nel bacino del Mediterraneo -Nordafrica e Turchia inclusi- e nel Sud Europa, con un occhio alle esigenze di mobilità dei piccoli arcipelaghi. Ad oggi, quella di Cimino è l’unica offerta nota ai non addetti ai lavori, ma secondo il Ministro dello Sviluppo Economico Claudio Scajola i candidati (i cui nomi saranno resi noti venerdì 5, quando Scajola incontrerà di nuovo Fiat e sindacati) sarebbero in totale 5 o 6.
Tra di essi ci sarebbe il nome di Gian Mario Rossignolo, quello di un fondo cinese, di uno legato a General Electric e addirittura quello dell’architetto Massimiliano Fuksas, apparentemente interessato a trasformare i capannoni di Termini in una cittadella del cinema.
Tornando a Cimino, la sua iniziativa prevede anche la realizzazione di una rete per la produzione di energia rinnovabile. Non solo: se il piano-Termini dovesse fallire, sarebbe pronto un “piano B” che porterebbe la produzione nel distretto dell’elettronica di Catania.
L’iniziativa Cimino-Reva porterà alla nascita di tre società distinte: Cape Reva Azienda Automobilistica (che darà lavoro a 1000 dipendenti ex-Fiat), Sunny Car Mobility Solutions Company (la società che si occuperà di energia solare darà lavoro agli altri 400 ex-Fiat) e Charging Infrastructure Company che costruirà in Sicilia 2000 punti di ricarica alimentati ad energia solare e creerà 2000 nuovi posti di lavoro.
Cimino, che a quanto pare potrebbe vendere le sue auto prive di batterie, prevedendo per queste forme di commercializzazione alternative (come molti grandi costruttori progettano di fare) sarà pronto ad avviare la produzione a Termini già nel corso del 2011.


Fiat: oggi sciopero di quattro ore in tutte le fabbriche. Si contesta la chiusura di Termini Imerese

Oggi i metalmeccanici Fiat hanno protestato contro la chiusura dello stabilimento di Termini Imerese -in programma per la fine del 2011- con uno sciopero di quattro ore che ha coinvolto tutte le fabbriche italiane del gruppo.
I sindacati di settore che hanno organizzato la mobilitazione, parlano di percentuali di adesione vicine all’80% a Termini e tra il 50 e il 70% negli altri stabilimenti. Secondo l’azienda le adesioni si sono attestate invece al 14%. Il leader della FIOM Gianni Rinaldini ha dichiarato: “Termini non può chiudere: in Italia non esiste sovracapacità, anzi il nostro Paese è l’unico in Europa Occidentale a comprare più auto di quante non ne produca”.
Rinaldini ha inoltre contestato gli atteggiamenti contraddittori di Sergio Marchionne: “Fino a qualche mese fa prevedeva investimenti e nuova occupazione a Termini Imerese, poi dopo l’accordo con Chrysler ha deciso che la fabbrica deve chiudere, ma non esiste un motivo reale se non quello che l’azienda sta spostando il suo business agli Stati Uniti”. Rinaldini ha infine chiosato definendo “arroganti” alcune recenti dichiarazioni dell’ad sulla fabbrica siciliana.
Anche il Ministro Scajola ha affermato che secondo il governo nei piani Fiat “c’è spazio anche per Termini Imerese”. In caso di allontanamento della Fiat, ha ribadito il Ministro, si studierà comunque come mantenere attivo il polo industriale: tra le 5 o 6 possibilità menzionate da Scajola giorni fa, la più accreditata sembra quella di Simone Cimino e Reva.


Ormai è chiaro che Marchionne pensa piu a Chrysler che all'italia e i suoi marchi :KO<b></b>) :KO<b></b>) :KO<b></b>)

Quante figuracce che sta collezzionando :KO<b></b>) :KO<b></b>) :KO<b></b>) , spero lo tolgano presto dal trono :member<b></b>) :member<b></b>)
Album: ~ Salone di Ginevra 2009 - Alfa Romeo 159 - Brera e MiTo GTA concept
KOKAL
Inserito 4/2/2010 4:51 PM (#257662 - in reply to #257653)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,52 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
cuoresportivo86 - 4/2/2010 4:14 PM
Ormai è chiaro che Marchionne pensa piu a Chrysler che all'italia e i suoi marchi :KO<b></b>) :KO<b></b>) :KO<b></b>)

Quante figuracce che sta collezzionando :KO<b></b>) :KO<b></b>) :KO<b></b>) , spero lo tolgano presto dal trono :member<b></b>) :member<b></b>)


E' evidente che travisi il significato del "fare una figuraccia", in questo la stanno facendo molto più i sindacati ed il governo che si ostinano a voler imporre politiche industriali basate sull'assistenzialismo invece che sui progetti produttivi sostenibili.
Marchionne pensa a Fiat e a come portare valore aggiunto ad essa e lo fa semplicemente perchè è pagato per raggiungere questo scopo.
Finchè non inizierai a scindere l'emotività dalle effettive logiche aziendali, continuerai a copiare ed incollare le solite solfe da un forum all'altro senza neppure voler capire il perchè di certe mosse.

P.s. Ah, si scrive "collezionando", con una sola z.
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
Lazza
Inserito 4/2/2010 5:30 PM (#257671 - in reply to #257662)


2.4 JTDM Q Owner
Grigio stromboli
"Mr. Lazza"
Utente del mese Ottobre 2007

Partecipazione ai raduni
Posts: 4754
1.621,97 ore

200020005001001002525

Verona

KOKAL - 4/2/2010 4:51 PM
Marchionne pensa a Fiat e a come portare valore aggiunto ad essa e lo fa semplicemente perchè è pagato per raggiungere questo scopo.

Concordando pienamente aggiungo che continuando così, sindacati e governo raggiungeranno il solo obiettivo di "pagare" per tenere le produzioni in Italia. In siti obsoleti, mal serviti, mal gestiti con bassissima redditività e subordinati a mafie locali.

I sindacati dovrebbero chiedere e volere a gran voce un'alta percentuale di produzione garantita in Italia, ma lasciare a Fiat totale libertà sui siti da chiudere!

Album: ~ 159 Sportwagon 2.4JtdM Qtronic ~ 500 1.3mjt Lounge
Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82
Printer friendly version
E-mail a link to this thread
Jump to forum :

89327060 clicks e 5831118 sessioni dal 13/11/2005


Search | Articoli | Mappa | Stats | Utenti | Owner list | Webmail | Regole | HitParade | Forums | Calendars | Albums |

(Delete all cookies set by this site)
Torna su


Questo sito utilizza Google Analytics e supporta Firefox