Random quote: Farei iscrivere Marchionne a questo sito per vedere quale passione ha creato quello che lui definisce "un errore"! (alessandro155)
- (Added by: playfortoday)
Sezione Mondo Alfa Romeo :: Forum "Fiat Notizie"

Topic: FIAT - Azienda e mercato

Moderatori: Amministratori, Moderatori
kalokagathia21
Inserito 16/9/2012 9:49 AM (#432196 - in reply to #248358)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
Basta, non se ne può più di un'Azienda che fa di tutto per tenere in ostaggio un Paese e, in particolare, la città di Torino. Ora, dopo la storia della sponsorizzazione vietata a Volkswagen del Salone dell'Auto, che poi non si è fatto, e dopo i miliardi di euro che regaliamo da decenni per acquistare autobus Iveco a prezzi doppi rispetto quelli offerti dalle altre Case, questo è l'ultimo inaccettabile veto:

Fiat stoppa il car sharing elettrico
offerto da Mercedes e Renault



Mi auguro che la giunta comunale, visti i recenti sviluppi e considerando che ha migliaia di cittadini dipendenti del Lingotto in cassaintegrazione senza una prospettiva per il futuro, cominci finalmente ad aprire le porte alle realtà che hanno veramente voglia di investire e portare occupazione.
 
marco1975
Inserito 16/9/2012 3:31 PM (#432240 - in reply to #248358)


Tutor
2.4 JTDM SW Q4 Owner
Nero carbonio
Utente del mese Agosto 2010

Posts: 3701
811,58 ore

20001000500100100

parigi / ginevra / cuneo

50 posti teorici per un car sharing... o qualche migliaio da salvare a mirafiori e a grugliasco... hmmm aspetta, non riesco a decidere cosa sia piu' importante

Non e' che viene in mente un momentino che la concorrenza fa la stessa cosa a casa loro ? Ah dimenticavo, solo la Fiat e' il diavolo, gli altri tutti santi.

Alfa 159 FOREVER

PS : parlando di cose serie, davanti a 2900 concessionari Marchionne ha confermato la piccola Jeep e la 500X a Mirafiori, anche se con un ritardo di 3 mesi rispetto al piano. Chissa' come mai di questo non si parla. Il car sharing sara' senz'altro piu' importante.

Album: ~ dedra integrale 1991 grigio quartz - interni alcantara blu ~ Retromobile 2014 Parigi ~ 159 2.4 JTDm Q4 Nero Carbonio - Interni pelle beige
KOKAL
Inserito 17/9/2012 2:52 PM (#432403 - in reply to #431865)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,85 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
kalokagathia21 - 13/9/2012 7:22 PM
Con la nota diffusa oggi dall'Azienda, il cosiddetto Piano Fabbrica Italia, annunciato ripetutamente e mai presentato nel dettaglio, diventa ufficialmente carta straccia. A leggere il comunicato, la sensazione che si ha è che Fiat dica "abbiamo scherzato, sono passati due anni e siccome non abbiamo voglia di prendere impegni con nessuno, specie se non mettete soldi pubblici sul piatto, noi facciamo il cazzo che ci pare. Con buona pace delle carte firmate in pompa magna e dei sacrifici chiesti ai lavoratori con un referendum-ricatto fatto promettendo aria fritta". 
Complimenti a Fim e Uilm, che ora si terranno delegati non eletti da nessuno a fare i servi in una realtà destinata a ridimensionarsi chissà fino a che punto.


Veramente il comunicato non è da interpretarsi a sensazioni, bensì con realismo visto che dice che il piano Fabbrica italia è inadeguato a quella che è stata l'involuzione del mercato dell'auto in Europa, ma soprattutto in Italia che è il mercato principale per Fiat-Alfa-Lancia.
Io non ci vedo nulla di così scandaloso, mentre il seguente assunto:

"Il leader della Fiom, Maurizio Landini: "Fiat vende meno perché non ha fatto gli investimenti. Invece di attaccare lo Statuto e parlare a vanvera di produttività, il governo convochi il gruppo e avvii politica industriale degna di questo nome"."

è una chiara falsità, visto che anche chi ha fatto investimenti e ha gamme rinnovate perde anche più di Fiat.Si puo' parlare di cosa sia giusto e dell'esatto contrario finchè si vuole, ma l'unico modo per far capire a molti che se Fiat sbaglia anche uno solo degli investimenti va a gambe all'aria, è che l'investimento sbagliato venga fatto (ovviamente non appositamente sbagliato), e che visto che le auto non si vendono non perchè sono vecchie o hanno poco appeal, bensì perchè la gente non ha soldi e quei pochi che ha preferisce tenerli come scorta di sicurezza visti i tempi che corrono: a quel punto si guarda il risultato ottenuto (matematicamente negativo) e si chiude baracca e burattini.
Dopo però tutti zitti e pedalare, perchè il primo che invoca l'intervento pubblico per salvare Fiat ed i posti di lavoro lo vado a prendere di persona visto che questo sistema di mantenere in vita i posti di lavoro in esubero con i soldi pubblici ha avuto effetti disastrosi ed inconfutabili dei quali ancora oggi paghiamo il conto (e chissà per quanto altro tempo) e soprattuto vale solo per alcuni lavoratori (non per tutti quindi).
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
perryplanet
Inserito 17/9/2012 3:20 PM (#432414 - in reply to #432403)


Tutor
1.9 JTDM SW Q Owner
Verde muschio
"l' ornitorinco"
Utente del mese Ottobre 2011

Partecipazione ai raduni
Posts: 4785
5.912,05 ore

20002000500100100252525

Piacenza (Emilia_Romagna)
KOKAL - 17/9/2012 2:52 PM
Dopo però tutti zitti e pedalare, perchè il primo che invoca l'intervento pubblico per salvare Fiat ed i posti di lavoro lo vado a prendere di persona visto che questo sistema di mantenere in vita i posti di lavoro in esubero con i soldi pubblici ha avuto effetti disastrosi ed inconfutabili dei quali ancora oggi paghiamo il conto (e chissà per quanto altro tempo) e soprattuto vale solo per alcuni lavoratori (non per tutti quindi).

Vengo anche io a darti una mano.
Quando la FIAT andava avanti per grazia di chi (Stato) erogava finanziamenti a fondo perduto era tutto un criticare la dirigenza perché non si smarcava da questa politica.
Quando la FIAT si è smarcata le stesse persono sono qua a criticare perché lo stato non impone a FIAT di investire (con i soldi di chi, di Landini ?).
Tutte le case automobilistiche europee paragonabili a FIAT che hanno investito in questi ultimi 2/3 anni stanno andando a gambe all'aria.
FIAT si è messa nella posizione (felicissima imho) di poter attendere gli eventi (andamento del mercato/economia europeo) per poter decidere quando poter investire in Europa senza rischiare di andare a gambe all'aria.
Dove l'economia ed il mercato lo permettono, FIAT sta investendo e i risultati la premiano.


Edited by perryplanet 17/9/2012 3:20 PM
Album: ~ 159 SW Qtronic Exclusive Verde muschio ~ Raduno Mantovano - 14/12/2008
adriatico
Inserito 17/9/2012 5:21 PM (#432430 - in reply to #432414)


1.9 JTDM SW Owner
Nero oceano"
Utente del mese Agosto 2011

"dupiottesimo owner"
Partecipazione ai raduni
Posts: 1891
1.416,18 ore

1000500100100100252525

PUGLIA la terra del sole e del mare

N

perryplanet - 17/9/2012 3:20 PM
KOKAL - 17/9/2012 2:52 PM
Dopo però tutti zitti e pedalare, perchè il primo che invoca l'intervento pubblico per salvare Fiat ed i posti di lavoro lo vado a prendere di persona visto che questo sistema di mantenere in vita i posti di lavoro in esubero con i soldi pubblici ha avuto effetti disastrosi ed inconfutabili dei quali ancora oggi paghiamo il conto (e chissà per quanto altro tempo) e soprattuto vale solo per alcuni lavoratori (non per tutti quindi).

Vengo anche io a darti una mano.
Quando la FIAT andava avanti per grazia di chi (Stato) erogava finanziamenti a fondo perduto era tutto un criticare la dirigenza perché non si smarcava da questa politica.
Quando la FIAT si è smarcata le stesse persono sono qua a criticare perché lo stato non impone a FIAT di investire (con i soldi di chi, di Landini ?).
Tutte le case automobilistiche europee paragonabili a FIAT che hanno investito in questi ultimi 2/3 anni stanno andando a gambe all'aria.
FIAT si è messa nella posizione (felicissima imho) di poter attendere gli eventi (andamento del mercato/economia europeo) per poter decidere quando poter investire in Europa senza rischiare di andare a gambe all'aria.
Dove l'economia ed il mercato lo permettono, FIAT sta investendo e i risultati la premiano.
Non posso che quotare il KOKAL ed il perry. Gli investimenti vanno fatti a ragion veduta e con una situazione di mercato nettamente in recessione vanno ponderati con attenzione rivolta agli scenari che si prospettano, i soldi non vanno buttati, ne va del futuro di tutti. Se la situazione prospettata all'epoca dell'idea "fabbrica Italia" è cambiata bisogna ripensare un pò di cose.

  

perryplanet
Inserito 17/9/2012 5:23 PM (#432432 - in reply to #248358)


Tutor
1.9 JTDM SW Q Owner
Verde muschio
"l' ornitorinco"
Utente del mese Ottobre 2011

Partecipazione ai raduni
Posts: 4785
5.912,05 ore

20002000500100100252525

Piacenza (Emilia_Romagna)
Giusto per spiegare meglio:

Auto: per Moody's vede nero anche per il 2013
«Sotto pressione Fiat, Renault e Psa»



da Corriere.it
Album: ~ 159 SW Qtronic Exclusive Verde muschio ~ Raduno Mantovano - 14/12/2008
kalokagathia21
Inserito 17/9/2012 9:38 PM (#432453 - in reply to #432403)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
KOKAL - 17/9/2012 2:52 PM
kalokagathia21 - 13/9/2012 7:22 PM
Con la nota diffusa oggi dall'Azienda, il cosiddetto Piano Fabbrica Italia, annunciato ripetutamente e mai presentato nel dettaglio, diventa ufficialmente carta straccia. A leggere il comunicato, la sensazione che si ha è che Fiat dica "abbiamo scherzato, sono passati due anni e siccome non abbiamo voglia di prendere impegni con nessuno, specie se non mettete soldi pubblici sul piatto, noi facciamo il cazzo che ci pare. Con buona pace delle carte firmate in pompa magna e dei sacrifici chiesti ai lavoratori con un referendum-ricatto fatto promettendo aria fritta". 
Complimenti a Fim e Uilm, che ora si terranno delegati non eletti da nessuno a fare i servi in una realtà destinata a ridimensionarsi chissà fino a che punto.


Veramente il comunicato non è da interpretarsi a sensazioni, bensì con realismo visto che dice che il piano Fabbrica italia è inadeguato a quella che è stata l'involuzione del mercato dell'auto in Europa, ma soprattutto in Italia che è il mercato principale per Fiat-Alfa-Lancia.
Io non ci vedo nulla di così scandaloso, mentre il seguente assunto:

"Il leader della Fiom, Maurizio Landini: "Fiat vende meno perché non ha fatto gli investimenti. Invece di attaccare lo Statuto e parlare a vanvera di produttività, il governo convochi il gruppo e avvii politica industriale degna di questo nome"."

è una chiara falsità, visto che anche chi ha fatto investimenti e ha gamme rinnovate perde anche più di Fiat.Si puo' parlare di cosa sia giusto e dell'esatto contrario finchè si vuole, ma l'unico modo per far capire a molti che se Fiat sbaglia anche uno solo degli investimenti va a gambe all'aria, è che l'investimento sbagliato venga fatto (ovviamente non appositamente sbagliato), e che visto che le auto non si vendono non perchè sono vecchie o hanno poco appeal, bensì perchè la gente non ha soldi e quei pochi che ha preferisce tenerli come scorta di sicurezza visti i tempi che corrono: a quel punto si guarda il risultato ottenuto (matematicamente negativo) e si chiude baracca e burattini.
Dopo però tutti zitti e pedalare, perchè il primo che invoca l'intervento pubblico per salvare Fiat ed i posti di lavoro lo vado a prendere di persona visto che questo sistema di mantenere in vita i posti di lavoro in esubero con i soldi pubblici ha avuto effetti disastrosi ed inconfutabili dei quali ancora oggi paghiamo il conto (e chissà per quanto altro tempo) e soprattuto vale solo per alcuni lavoratori (non per tutti quindi).
Intanto prendo atto che dopo mesi passati a sostenere che il Piano c'era e stava andando avanti a pie' sospinto (vedere poche pagine indietro, ergo pochi giorni fa), ora si dice che "è inadeguato". Benissimo.
Per quanto riguarda, invece, la tesi secondo cui "anche chi ha investito va male", è questa ad essere "una chiara falsità", visto e considerato che Fiat perde in Italia ed Europa, oltre che volumi, anche e soprattutto quote di mercato, attraversando un ridimensionamento del suo peso che va ben oltre la flessione media (dati Anfia). D'altra parte, la prova che si affronta la crisi solo investendo sul prodotto viene da Fiat stessa, che negli USA, dove ha lanciato e continua a presentare nuovi modelli, sta crescendo più dei concorrenti, pur non tornando ancora, ovviamente, ai livelli pre 2008.
E, ancora: non sono paragonabili i bilanci tra gruppi diversi di cui alcuni abbiano attuato e continuino ad attuare grandi investimenti ed altri no, non fosse altro perchè nel bilancio gli investimenti stessi rientrano nelle passività, che andrebbero quindi calcolate al netto (non è un dettaglio, visto che ad esempio VAG ha annunciato 62 mld di investimenti solo nei prossimi 5 anni).

Infine, dire che i modelli non si vendono a prescindere dall'obsolescenza significa negare la base stessa dell'economia di mercato, ed infatti, ad esempio, viene smentito dal caso di Mercedes, che per la nuova Classe A sta prendendo in affitto stabilimenti non suoi in Inghilterra per fare fronte agli alti ordinativi.


Edited by kalokagathia21 17/9/2012 9:39 PM
fioccodineve
Inserito 17/9/2012 11:20 PM (#432460 - in reply to #248358)

1750 TBì SW Owner
Rosso alfa
Posts: 71
224,03 ore

2525

Firenze
Chi osanna Marchionne e gli Agnelli lo fa o per ignoranza della storia economica-finanziaria degli ultimi 30 anni, o per interessi personali.

Possibile che nessuno si sia accorto che Fiat non ha più come obbiettivo quello di fare auto?
Possibile che nessuno si soffermi sul fatto che Fiat stà aprendo banche da essa controllata, in America dal 2000 per ricavare profitti da settori finanziari?
LA FIAT è ORAMAI CONTROLLATA DAI GROSSI AZIONISTI!! (fondi speculativi con dietro banche e fondi pensione)

Facendo leva suiconsigli di amministrazione mediante le assemblee degli azionisti, talisoggetti hanno preso il controllo diretto delle politiche manageriali delle imprese detenute portando avanti le loro politiche gestionali.

Negli ultimi 30 anniqueste politiche hanno portato ad una finanziarizzazione delle imprese in mododa avere come unico scopo quello di massimizzare il guadagno degliazionisti  almeno ad un 15% annuo.

Considerando che lacrescita reale del PIL è di gran lunga inferiore a questo riferimento, sono facilmentecomprensibili gli effetti che generano queste politiche:

-        Spolpamento della ricchezza reale dell’azienda.

-        Creazione virtuale di un valore finanziariodell’azienda a prescindere dai reali bilanci.

 

Tali politiche hannomesso all’angolo la classe manageriale che operava per il bene dell’impresa

sostituendola conmanager finanziari imposti dalle assemblee degli azionisti, capaci solo disaper accontentare gli azionisti stessi a fine anno.

Ed è così che intereaziende sono state organizzate e trasformate con il solo obbiettivo di generare“flussi di cassa” tanto apprezzati dai mercati azionari, ristrutturandoneinteri comparti con chiusure di reparti e licenziamenti di dipendenti,acquisendo nuove aziende per poi scorporarle e rivenderle a pezzi perguadagnarci, fondendo più aziende insieme creando grossi colossi governatidalla finanza (strategia M&A).

Sonoesempi storici aziende come la Unilever, la Kraft, la Nestlè con i loro pianipresentati agli azionisti. (cit. Feeding Financial Markets: Financializationand Restructuring in Nestlé, Kraft and Unilever http://www.asianfoodworker.net/tnc/financializing-foodTNCs.pdf)

La Unilever nel 2000promise agli azionisti dividendi per 44mld$ nei 10 anni futuri, con un piano didismissioni e vendite d’impianti e riduzione dei dipendenti.

La Kraft dal 2000 al2008 ha venduto 40 stabilimenti e cancellato 14000 posti di lavoro peraumentare il flusso di denaro immediato.

Un esempio attualedi strategie M&A è l’Alcoa che, tra il 2007 e il 2009, per evitare diessere conquistata da 3 colossi (BHP, Rio Tinto e CVRD), ha dovuto investiredecine di miliardi di dollari per ricomprare proprie azioni alzandone il valorein borsa. (cit. Fusion et acquisitions di Kechidi M.)

E’ nel 2009 cheAlcoa annunciò, per la prima volta, di abbandonare la Sardegna pur essendo unostabilimento produttivo.

Se tutti i soldi dalei spesi e presi in prestito, per la contentezza delle banche stesse, fosserostati utilizzati per l’azienda stessa, forse, oggi in Sardegna non accadeva ciòche stà accadendo.

Ci sono esempi anchenel nostro Paese di riorganizzazioni in ottica finanziaria di aziende che sonostati esempi mondiali di efficienza dal dopoguerra agli anni ’80. (FIAT inprimis).

Imprese che neglianni d’oro avevano manager capaci di sviluppare l’azienda stessa, mentre oggisono solo capaci di assorbire ricchezza dall’azienda per trasferirla nelletasche degli azionisti. (esempio per Fiat confronto Valletta-Marchionne).

Questi sono esempidi imprese oramai ostagge della finanza i cui manager storici sono statisostituiti da quelli imposti dai grossi azionisti e dove gli utili d’impresanon vengono re-investiti al loro interno, ma regalati agli azionisti. E quandoun’impresa è del tutto spolpata e non ne rimane più niente, i “grossiinvestitori” si spostano su altre imprese.


E voi considerate Marchionne ancora un "manager"?


E' un semplice fantoccio messo lì dagli azionisti grossi.

Intanto, la FIAT, stà morendo...come un pesce vivo dato in pasto ai piranha!


E lo Stato (anzi le banche visto che al governo ci sono loro) che fa? Chiede semplicemente di capire i piani.


Un triste teatrino....ai tempi dell'IRI pre-anni '80 sarebbe stato un libro di fantascienza.


Album: ~ 159 TBI red
kalokagathia21
Inserito 18/9/2012 9:26 AM (#432469 - in reply to #432460)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
fioccodineve - 17/9/2012 11:20 PM
Chi osanna Marchionne e gli Agnelli lo fa o per ignoranza della storia economica-finanziaria degli ultimi 30 anni, o per interessi personali.

Possibile che nessuno si sia accorto che Fiat non ha più come obbiettivo quello di fare auto?
Possibile che nessuno si soffermi sul fatto che Fiat stà aprendo banche da essa controllata, in America dal 2000 per ricavare profitti da settori finanziari?
LA FIAT è ORAMAI CONTROLLATA DAI GROSSI AZIONISTI!! (fondi speculativi con dietro banche e fondi pensione)

Facendo leva suiconsigli di amministrazione mediante le assemblee degli azionisti, talisoggetti hanno preso il controllo diretto delle politiche manageriali delle imprese detenute portando avanti le loro politiche gestionali.

Negli ultimi 30 anniqueste politiche hanno portato ad una finanziarizzazione delle imprese in mododa avere come unico scopo quello di massimizzare il guadagno degliazionisti  almeno ad un 15% annuo.

Considerando che lacrescita reale del PIL è di gran lunga inferiore a questo riferimento, sono facilmentecomprensibili gli effetti che generano queste politiche:

-        Spolpamento della ricchezza reale dell’azienda.

-        Creazione virtuale di un valore finanziariodell’azienda a prescindere dai reali bilanci.

 

Tali politiche hannomesso all’angolo la classe manageriale che operava per il bene dell’impresa

sostituendola conmanager finanziari imposti dalle assemblee degli azionisti, capaci solo disaper accontentare gli azionisti stessi a fine anno.

Ed è così che intereaziende sono state organizzate e trasformate con il solo obbiettivo di generare“flussi di cassa” tanto apprezzati dai mercati azionari, ristrutturandoneinteri comparti con chiusure di reparti e licenziamenti di dipendenti,acquisendo nuove aziende per poi scorporarle e rivenderle a pezzi perguadagnarci, fondendo più aziende insieme creando grossi colossi governatidalla finanza (strategia M&A).

Sonoesempi storici aziende come la Unilever, la Kraft, la Nestlè con i loro pianipresentati agli azionisti. (cit. Feeding Financial Markets: Financializationand Restructuring in Nestlé, Kraft and Unilever http://www.asianfoodworker.net/tnc/financializing-foodTNCs.pdf)

La Unilever nel 2000promise agli azionisti dividendi per 44mld$ nei 10 anni futuri, con un piano didismissioni e vendite d’impianti e riduzione dei dipendenti.

La Kraft dal 2000 al2008 ha venduto 40 stabilimenti e cancellato 14000 posti di lavoro peraumentare il flusso di denaro immediato.

Un esempio attualedi strategie M&A è l’Alcoa che, tra il 2007 e il 2009, per evitare diessere conquistata da 3 colossi (BHP, Rio Tinto e CVRD), ha dovuto investiredecine di miliardi di dollari per ricomprare proprie azioni alzandone il valorein borsa. (cit. Fusion et acquisitions di Kechidi M.)

E’ nel 2009 cheAlcoa annunciò, per la prima volta, di abbandonare la Sardegna pur essendo unostabilimento produttivo.

Se tutti i soldi dalei spesi e presi in prestito, per la contentezza delle banche stesse, fosserostati utilizzati per l’azienda stessa, forse, oggi in Sardegna non accadeva ciòche stà accadendo.

Ci sono esempi anchenel nostro Paese di riorganizzazioni in ottica finanziaria di aziende che sonostati esempi mondiali di efficienza dal dopoguerra agli anni ’80. (FIAT inprimis).

Imprese che neglianni d’oro avevano manager capaci di sviluppare l’azienda stessa, mentre oggisono solo capaci di assorbire ricchezza dall’azienda per trasferirla nelletasche degli azionisti. (esempio per Fiat confronto Valletta-Marchionne).

Questi sono esempidi imprese oramai ostagge della finanza i cui manager storici sono statisostituiti da quelli imposti dai grossi azionisti e dove gli utili d’impresanon vengono re-investiti al loro interno, ma regalati agli azionisti. E quandoun’impresa è del tutto spolpata e non ne rimane più niente, i “grossiinvestitori” si spostano su altre imprese.


E voi considerate Marchionne ancora un "manager"?


E' un semplice fantoccio messo lì dagli azionisti grossi.

Intanto, la FIAT, stà morendo...come un pesce vivo dato in pasto ai piranha!


E lo Stato (anzi le banche visto che al governo ci sono loro) che fa? Chiede semplicemente di capire i piani.


Un triste teatrino....ai tempi dell'IRI pre-anni '80 sarebbe stato un libro di fantascienza.


E' esattamente così. I meccanismi del sistema economico attuale partono dal presupposto che la crescita dei profitti debba andare avanti all'infinito bilancio dopo bilancio e che gli stati debbano stare a guardare. Così, quando non basta più la produzione, subentra la speculazione finanziaria.
KOKAL
Inserito 18/9/2012 9:54 AM (#432472 - in reply to #432460)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,85 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
fioccodineve - 17/9/2012 11:20 PM
Chi osanna Marchionne e gli Agnelli lo fa o per ignoranza della storia economica-finanziaria degli ultimi 30 anni, o per interessi personali.


Cerca di esordire diversamente quando ti rivolgi ai tuoi interlocutori senza bollarli con preconcetti e soprattutto senza rischiare di essere offensivo delle opinioni altrui.Lo dico prima che qualcuno possa risentirsi di questa tua frase e quindi ne nasca un flame che ti vedrebbe ovviamente come causa scatenante.

Tornando all'argomento, come annunciato nel mio post precedente, da questo momento mi annovero tra quelli che esigono da Fiat e dal suo amministratore delegato la presentazione di un piano industriale dettagliato piano di investimenti per il prossimo triennio sulla produzione italiana e quindi di modelli destinati per lo più al mercato europeo, e questo indipendentemente dalla situazione economica che si potrà verificare.
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
labbio
Inserito 18/9/2012 10:01 AM (#432474 - in reply to #432460)


Tutor
1.9 JTDM SW Owner
Blu oltremare
Utente del mese Novembre 2012

Posts: 2037
1.050,67 ore

200025

Cremona
fioccodineve - 17/9/2012 11:20 PM
Chi osanna Marchionne e gli Agnelli lo fa o per ignoranza della storia economica-finanziaria degli ultimi 30 anni, o per interessi personali.


Mi hai scoperto... ogni volta che parlo bene di Marchionne, Fiat Group mi bonifica 500 euro sul conto corrente.
Album: ~ La (gn)Yaris di mia moglie
Comprex
Inserito 18/9/2012 10:21 AM (#432477 - in reply to #432460)


1.9 JTDM Owner
Argento Alfa
Posts: 1068
297,90 ore

10002525

Roma
io l'ho sempre detto che fiat non fa auto ma finanza...!
Album: ~ varie
kalokagathia21
Inserito 18/9/2012 10:33 AM (#432478 - in reply to #432472)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
edit kokal: cancellato perchè inopportuno e polemico come tuo solito.Ultimo avviso prima di costringerti all'emigrazione forzata sul forum di finanzaonline.
KOKAL
Inserito 18/9/2012 12:33 PM (#432508 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,85 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
Intanto, arriva la risposta dell' AD Fiat-Chrysler:

Stop a Fabbrica Italia. Marchionne:"Manterrò Fiat in Italia con i guadagni fatti all'estero"


Martedì 18 settembre. E’ il giorno della replica di Sergio Marchionne: l’ad Fiat risponde tramite un noto quotidiano nazionale alle accuse formulate da Diego Della Valle e da le prime garanzie al Governo ed ai Sindacati. Intanti ieri sera, ospite di una trasmissione tv, Della Valle è tornato all’attacco, stavolta della famiglia Agnelli.



Marchionne e Della Valle


“Io non ho mai parlato di esuberi, non ho proposto chiusure di stabilimenti, non ho mai detto che voglio andar via”. Con queste parole Sergio Marchionne getta acqua sul fuoco delle polemiche nate nei giorni scorsi intorno allo stop sul progetto Fabbrica Italia. L’ad Fiat ha specificato che: “L’Italia dell’auto è precipitata in un buco di mercato senza precedenti. Solo un anno fa il Paese era fallito. Non mollo. Mi impegno, ma non posso farlo da solo. Ci vuole un impegno dell’Italia”. E riferendosi al mercato sottoline come nel nostro Paese “abbiamo perso di colpo quarant’anni” e qualcuno “vorrebbe che la Fiat si comportasse tranquillamente come prima? O è un’imbecillità pensare a questo, o è una prepotenza, fuori dalla logica”.

L’ad di Fiat replica anche alle critiche formulate dal numero 1 di Tods, Diego Della Valle. “Tutti parlano a cento all’ora, perché la Fiat è un bersaglio grosso, più delle scarpe di alta qualità e alto prezzo che compravo anch’io fino a qualche tempo fa: adesso non più. Ci sarebbe da domandarsi chi ha dato la cattedra a molti maestri d’automobile improvvisati. Ma significherebbe starnazzare nel pollaio più provinciale che c’è. Fintanto che attaccano me, nessun problema. Ma lascino stare la Fiat. E anche la parola cosmopolita non è una bestemmia”.

Il manager italo-canadese si è inoltre dichiarato disponibile ad un incontro con il Ministro del Lavoro Elsa Fornero e con il Ministro dello Sviluppo Economico Corrado Passera; tuttavia Marchionne è convinto che “sopravvivere alla tempesta con l’aiuto di quella parte dell’azienda che va bene in America del Nord e del Sud, per sostenere l’Italia, sia un discorso strategico”. “Fiat - osserva Marchionne - sta accumulando perdite per 700 milioni in Europa, e sta reggendo sui successi all’estero. Sono le due uniche cose che contano. Se vogliamo confrontarci dobbiamo partire da qui: non si scappa”. Il progetto Fabbrica Italia era basato “su cento cose, la metà non ci sono più. Io allora puntavo su un mercato che reggeva, ed è crollato, su una riforma del mercato del lavoro, e ho più di 70 cause della Fiom. Tutto è cambiato. E io non sono capace di far finta di niente. Anche perché puoi nasconderli, ma i nodi prima o poi vengono al pettine. Ecco, siamo in quel momento. Io indico i nodi: parliamone”.

“Chi se la sentirebbe di investire in un mercato tramortito dalla crisi, se avesse la certezza non soltanto di non guadagnare un euro ma addirittura di non recuperare i soldi investiti? Con nuovi modelli lanciati oggi spareremmo nell’acqua: un bel risultato”. E spiega: “Se io avessi lanciato adesso dei nuovi modelli avrebbero fatto la stessa fine della nuova Panda di Pomigliano: la miglior Panda nella storia, 800 milioni di investimento, e il mercato non la prende, perché il mercato non c’è. Le prospettive per le vendite - afferma Marchionne - non sono buone; non vedo niente”. Secondo l’ad, il mercato rimarrà in questa situazione “fino al 2014. Per questo investire nel 2012 sarebbe micidiale”.


Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
SportKnight
Inserito 18/9/2012 12:54 PM (#432510 - in reply to #248358)


1.9 JTDM SW Owner
Nero carbonio
Utente del mese Dicembre 2010

Utente del mese Novembre 2014

Posts: 5487
1.782,58 ore

5000100100100100252525

Matera
non credo ci sia altro da aggiungere a quello che ha detto Marchionne....
Album: ~ il book fotografico di SportKnight - Pantera e non solo!! ~ Primo Incontro Sacco(Sa) Campania
stormy30
Inserito 18/9/2012 2:00 PM (#432514 - in reply to #248358)


2.4 JTDM SW Q-Owner
Argento alfa
Utente del mese Settembre 2013

Posts: 1065
764,73 ore

10002525

Bassano del Grappa
non si puó non essere d'accordo con Marchionne,ha troppo ragione in merito alla panda
Album: ~ 159 2.4 JTDm q-tronic argento-interni in pelle neri-cerchi 18"
kalokagathia21
Inserito 18/9/2012 2:26 PM (#432519 - in reply to #432478)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
kalokagathia21 - 18/9/2012 10:33 AM
edit kokal: cancellato perchè inopportuno e polemico come tuo solito.Ultimo avviso prima di costringerti all'emigrazione forzata sul forum di finanzaonline.
Non capisco la battuta. Comunque quando si richiama un commento buon senso vorrebbe che venisse lasciato visibile, non oscurato. Ora come sa fa a capire a cosa ti stai riferendo?
E poi, non un parola su quanto detto da me e fioccodineve?

Marchionne nell'intervista a Repubblica spiega perfettamente la situazione ma non fa un solo accenno alla cura che ha in mente. Come si fa a dire giudicare piani sconosciuti?


Edited by kalokagathia21 18/9/2012 2:45 PM
Lazza
Inserito 18/9/2012 2:45 PM (#432526 - in reply to #432460)


2.4 JTDM Q Owner
Grigio stromboli
"Mr. Lazza"
Utente del mese Ottobre 2007

Partecipazione ai raduni
Posts: 4754
1.621,97 ore

200020005001001002525

Verona
fioccodineve - 17/9/2012 11:20 PM

Possibile che nessuno si sia accorto che Fiat non ha più come obbiettivo quello di fare auto?

Sarebbe serio indicare dove hai preso questo scritto. Anche se lo immagino.
Album: ~ 159 Sportwagon 2.4JtdM Qtronic ~ 500 1.3mjt Lounge
SportKnight
Inserito 18/9/2012 3:01 PM (#432534 - in reply to #432519)


1.9 JTDM SW Owner
Nero carbonio
Utente del mese Dicembre 2010

Utente del mese Novembre 2014

Posts: 5487
1.782,58 ore

5000100100100100252525

Matera
kalokagathia21 - 18/9/2012 2:26 PM
kalokagathia21 - 18/9/2012 10:33 AM
edit kokal: cancellato perchè inopportuno e polemico come tuo solito.Ultimo avviso prima di costringerti all'emigrazione forzata sul forum di finanzaonline.
Non capisco la battuta. Comunque quando si richiama un commento buon senso vorrebbe che venisse lasciato visibile, non oscurato. Ora come sa fa a capire a cosa ti stai riferendo?
E poi, non un parola su quanto detto da me e fioccodineve?

Marchionne nell'intervista a Repubblica spiega perfettamente la situazione ma non fa un solo accenno alla cura che ha in mente. Come si fa a dire giudicare piani sconosciuti?

la cura ai problemi economici di una nazione non dovrebbe trovarla l'AD di una azienda privama ma la classe politica,non credi?
Album: ~ il book fotografico di SportKnight - Pantera e non solo!! ~ Primo Incontro Sacco(Sa) Campania
adriatico
Inserito 18/9/2012 3:45 PM (#432551 - in reply to #248358)


1.9 JTDM SW Owner
Nero oceano"
Utente del mese Agosto 2011

"dupiottesimo owner"
Partecipazione ai raduni
Posts: 1891
1.416,18 ore

1000500100100100252525

PUGLIA la terra del sole e del mare

E cosa altro deve dire? ha detto la crisi è nera e non se ne vedono gli sbocchi se non nel 2014 (forse) ma che manterrà tutto con gli introiti fatti altrove. E meno male che lì dove questo "altrove"  è stato creato il mercato c'è o si sta riprendendo dallo shock (vedi mercato statunitense).

Sono 25 anni che mi alzo le maniche per darmi da fare, lo stipendio non lo rubo a fine mese ma lo coltivo e lo semino per poterlo raccogliere, in fondo faccio il contadino di me stesso, non ho studiato gli ultimi 30 anni di economia ma guardo la realtà del quotidiano perchè oggi il mondo può cambiare nel giro di minuti e forse per questo con Mr. Marchionne riesco a sintonizzarmi un pò, "forse".

Comprex
Inserito 18/9/2012 3:51 PM (#432554 - in reply to #248358)


1.9 JTDM Owner
Argento Alfa
Posts: 1068
297,90 ore

10002525

Roma

secondo me la panda attuale è brutta (design simil-cinese), ha 4 motori messi in croce, non c'è il 4x4.

e uno vuole pure che il mercato la prenda???

Album: ~ varie
SportKnight
Inserito 18/9/2012 4:05 PM (#432560 - in reply to #248358)


1.9 JTDM SW Owner
Nero carbonio
Utente del mese Dicembre 2010

Utente del mese Novembre 2014

Posts: 5487
1.782,58 ore

5000100100100100252525

Matera
scusa ma di quale panda parli?
parli della stessa panda di cui parlano tutti?
quella con il design più arrotondato e simpatico della precedente,con il 4x4 che esce a momenti ma davvero a momenti visto che c'erano già delle foto di panda nei saloni austriaci,quella con il motore 0.9,il 1.2,e 1.3 mjtd appena uscita sui mercati?

perchè la up quanti motori ha? e quanti allestimenti?
Album: ~ il book fotografico di SportKnight - Pantera e non solo!! ~ Primo Incontro Sacco(Sa) Campania
adriatico
Inserito 18/9/2012 4:20 PM (#432567 - in reply to #432554)


1.9 JTDM SW Owner
Nero oceano"
Utente del mese Agosto 2011

"dupiottesimo owner"
Partecipazione ai raduni
Posts: 1891
1.416,18 ore

1000500100100100252525

PUGLIA la terra del sole e del mare
Comprex - 18/9/2012 3:51 PM

secondo me la panda attuale è brutta (design simil-cinese), ha 4 motori messi in croce, non c'è il 4x4.

e uno vuole pure che il mercato la prenda???

Non sono assolutamente d'accordo, ho visto la nuova panda, è fatta bene e curata (vedi gli accoppiamenti dei lamierati parafanghi) ed ha un bel design di tendenza. Per quanto riguarda i motori fra un pò ci saranno tutti compreso il 4x4 ed i gasati fra cui spiccherà il nuovo a metano. Aria fritta .
stormy30
Inserito 18/9/2012 4:21 PM (#432568 - in reply to #432560)


2.4 JTDM SW Q-Owner
Argento alfa
Utente del mese Settembre 2013

Posts: 1065
764,73 ore

10002525

Bassano del Grappa
SportKnight - 18/9/2012 4:05 PM
scusa ma di quale panda parli?
parli della stessa panda di cui parlano tutti?
quella con il design più arrotondato e simpatico della precedente,con il 4x4 che esce a momenti ma davvero a momenti visto che c'erano già delle foto di panda nei saloni austriaci,quella con il motore 0.9,il 1.2,e 1.3 mjtd appena uscita sui mercati?

perchè la up quanti motori ha? e quanti allestimenti?
mi hai rubato le parole di bocca,tralasciando i gusti estetici,ogn'uno ha i suoi,ma con quante motorizzazioni dovrebbe uscire un pandino? 
Album: ~ 159 2.4 JTDm q-tronic argento-interni in pelle neri-cerchi 18"
Comprex
Inserito 18/9/2012 7:14 PM (#432602 - in reply to #432560)


1.9 JTDM Owner
Argento Alfa
Posts: 1068
297,90 ore

10002525

Roma
SportKnight - 18/9/2012 4:05 PM

perchè la up quanti motori ha? e quanti allestimenti?

sai che me ne frega della up.

io ho dato un mio parere personale...se poi ho sbagliato e il mercato mi darà ragione...sarò solo contento per fiat e pomigliano!

per ora non mi pare il mercato mi dia torto.

Album: ~ varie
Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82
Printer friendly version
E-mail a link to this thread
Jump to forum :

91577745 clicks e 5956728 sessioni dal 13/11/2005


Search | Articoli | Mappa | Stats | Utenti | Owner list | Webmail | Regole | HitParade | Forums | Calendars | Albums |

(Delete all cookies set by this site)
Torna su


Questo sito utilizza Google Analytics e supporta Firefox