Random quote: ... ti vuoi a tutti costi guastare le feste natalizie: il Dio autovelox in ogni strada fa la sua buona guardia.... (Nonno Angelo)
Sezione Mondo Alfa Romeo :: Forum "Fiat Notizie"

Topic: FIAT - Azienda e mercato

Moderatori: Amministratori, Moderatori
kalokagathia21
Inserito 21/9/2012 10:55 AM (#432936 - in reply to #432872)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
marco1975 - 20/9/2012 10:11 PM

Qui si dimentica una cosa fondamentale : in cambio di quei soldi concessi negli anni 70 e 80, la Fiat ha dovuto aprire stabilimenti completamente inutili come Termini Imerese nonche' tenere aperti troppi stabilimenti dopo l'acquisizione dell'alfa.

La Fiat oggi starebbe meglio se non avesse mai ricevuto aiuti di stato e in cambio avesse la meta' delle fabbriche attuali.

.

Inoltre, per i fan delle ditte di stato, ricordo che i politici obbligarono l'alfa a aprire la fabbrica di Pratola Serra per produrre l'Arna. Inoltre c'era chi voleva che nel sud ci fosse una seconda linea per l'alfetta, e il rifiuto di Luraghi di accettare questo gli costo' l'incarico...

.

Alfa 159 FOREVER

Le imprese private non sono obbligate ad accettare investimenti pubblici, specie se con la sorta di "ricatto" che denunci tu di doverli impiegare in operazioni ritenute dannose per l'azienda stessa. D'altra parte, a sentire Romiti che l'altro giorno era mi pare a Ballarò, il management e la famiglia Agnelli erano ben convinti aprire quegli stabilimenti incambio del monopolio del settore garantito dallo Stato. 
Vorrei infine dire, visto che fai riferimento ai "fan delle ditte di stato", che io rientro nella categoria ma, certamente,  il modello che ho in mente non è quello degenerato prodotto in Italia dagli ultimi governi democristiani e craxiani, nè quelle parastatali rette dal bizzarro principio di socializzare le perdite e privatizzare gli utili.
In compenso, nel primo dopoguerra e fino agli anni '70 abbiamo avuto ottimi manager di Stato che hanno saputo far crescere e persino internazionalizzare meglio dei concorrenti europei ed americani le loro aziende (vedi Mattei). Aver disperso quella scuola ci penalizza tutt'ora, che abbiamo dato i nostri gioielli nelle mani dei cosiddetti "boiardi di Stato".
labbio
Inserito 21/9/2012 12:09 PM (#432955 - in reply to #432936)


Tutor
1.9 JTDM SW Owner
Blu oltremare
Utente del mese Novembre 2012

Posts: 2037
1.050,42 ore

200025

Cremona
kalokagathia21 - 21/9/2012 10:55 AM
...
Vorrei infine dire, visto che fai riferimento ai "fan delle ditte di stato", che io rientro nella categoria ma, certamente,  il modello che ho in mente non è quello degenerato prodotto in Italia dagli ultimi governi democristiani e craxiani, nè quelle parastatali rette dal bizzarro principio di socializzare le perdite e privatizzare gli utili.
In compenso, nel primo dopoguerra e fino agli anni '70 abbiamo avuto ottimi manager di Stato che hanno saputo far crescere e persino internazionalizzare meglio dei concorrenti europei ed americani le loro aziende (vedi Mattei). Aver disperso quella scuola ci penalizza tutt'ora, che abbiamo dato i nostri gioielli nelle mani dei cosiddetti "boiardi di Stato".


Il problema è che il modello che hai in mente, l'Eni di Mattei, esiste solo nella tua testa. Oggi è non sarebbe più replicabile, è solo un'utopia.
I fatti di cronaca raccontano di un sistema malato, incapace di amministrare diligentemente e soprattutto onoestamente il denaro pubblico. E tu vorresti veramente affidare a questa gente aziende sulle quali si basa buona parte dell'economia italiana? Quanto credi che ci metterebbero, ad esempio, a farle (ri)fare la fine di Alitalia?
Album: ~ La (gn)Yaris di mia moglie
KOKAL
Inserito 21/9/2012 12:55 PM (#432970 - in reply to #432955)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,40 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
labbio - 21/9/2012 12:09 PM

Il problema è che il modello che hai in mente, l'Eni di Mattei, esiste solo nella tua testa. Oggi è non sarebbe più replicabile, è solo un'utopia.



il suo scoglio sta nel rapportare le eccellenze del passato imparate a scuola, erigendole a soluzione unica ed assoluta, con quella che è invece la realtà odierna.
Il bello è che poi viene qui e pretende di dispensare insegnamenti a quelli che considera gli esseri annebbiati e iptnotizzati dai proclami di un Marchionne qualsiasi perchè incapaci di sviluppare proprie idee e teorie valide in rapporto ad eventi reali.
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
SportKnight
Inserito 21/9/2012 1:01 PM (#432972 - in reply to #248358)


1.9 JTDM SW Owner
Nero carbonio
Utente del mese Dicembre 2010

Utente del mese Novembre 2014

Posts: 5487
1.782,58 ore

5000100100100100252525

Matera
eni??

date un occhiata a questo articolo

Album: ~ il book fotografico di SportKnight - Pantera e non solo!! ~ Primo Incontro Sacco(Sa) Campania
kalokagathia21
Inserito 21/9/2012 2:42 PM (#432989 - in reply to #432970)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino

labbio - 21/9/2012 12:09 PM
Il problema è che il modello che hai in mente, l'Eni di Mattei, esiste solo nella tua testa. Oggi è non sarebbe più replicabile, è solo un'utopia.
Spiegare in modo analitico le ragioni delle proprie opinioni e non ergerle a verità assoluta. 

KOKAL - 21/9/2012 12:55 PM 
il suo scoglio sta nel rapportare le eccellenze del passato imparate a scuola, erigendole a soluzione unica ed assoluta, con quella che è invece la realtà odierna.
Il bello è che poi viene qui e pretende di dispensare insegnamenti a quelli che considera gli esseri annebbiati e iptnotizzati dai proclami di un Marchionne qualsiasi perchè incapaci di sviluppare proprie idee e teorie valide in rapporto ad eventi reali.
Stai cercando il casus belli sperando di ricevere le risposte che meriti con il tuo atteggiamento supponente, presuntuoso e maleducato. Procedi pure da solo.
E' comunque conseguente che quando un moderatore è anche protagonista e, spesso, infiammatore delle discussioni si arrivi al punto che egli stesso risponda agli utenti non più nel merito di ciò che dicono ma attaccandoli personalmente.
Siccome nelle comunicazioni via mail con te e lo staff mi sono firmato con il mio nome e cognome, che è quindi conosciuto, questo non è accettabile.


Edited by kalokagathia21 21/9/2012 3:01 PM
KOKAL
Inserito 21/9/2012 4:57 PM (#433011 - in reply to #432989)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,40 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
kalokagathia21 - 21/9/2012 2:42 PM
Stai cercando il casus belli sperando di ricevere le risposte che meriti con il tuo atteggiamento supponente, presuntuoso e maleducato. Procedi pure da solo.


Affatto, la mia puntualizzazione era pienamente nel merito e aggiungeva una spiegazione a quanto affermato da Labbio.


kalokagathia21 - 21/9/2012 2:42 PM
E' comunque conseguente che quando un moderatore è anche protagonista e, spesso, infiammatore delle discussioni si arrivi al punto che egli stesso risponda agli utenti non più nel merito di ciò che dicono ma attaccandoli personalmente.
Siccome nelle comunicazioni via mail con te e lo staff mi sono firmato con il mio nome e cognome, che è quindi conosciuto, questo non è accettabile.


Forse ti è sfuggito che non è l'operato dello staff l'oggetto degli scambi di comunicazioni private di questi giorni, ma il tuo su questo forum che, nonostante le decine di appelli che ti abbiamo fatto negli ultimi 12 mesi (esiste tutto lo storico sul tuo "caso"), continui imperterrito cercando oltretutto di spostare l'attenzione sull'operato dello staff di moderazione, cosa che non ti compete in alcun modo nei thread pubblici (anche questo punto ti è stato più volte fatto richiamo).
In virtù della buona volontà e pazienza dello staff nel tentare di evitare di comminarti provvedimenti disciplinari, hai deciso di continuare nei tuoi intenti.Da questo momento volontà e pazienza sono finiti.
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
labbio
Inserito 21/9/2012 5:03 PM (#433013 - in reply to #432989)


Tutor
1.9 JTDM SW Owner
Blu oltremare
Utente del mese Novembre 2012

Posts: 2037
1.050,42 ore

200025

Cremona
kalokagathia21 - 21/9/2012 2:42 PM
labbio - 21/9/2012 12:09 PM
Il problema è che il modello che hai in mente, l'Eni di Mattei, esiste solo nella tua testa. Oggi è non sarebbe più replicabile, è solo un'utopia.
Spiegare in modo analitico le ragioni delle proprie opinioni e non ergerle a verità assoluta. 


A parte che non ho eretto nessuna opinione a verità assoluta, ho semplicemente sintetizzato ritenendo sufficientemente semplice comprendere il discorso più ampio dietro la mia affermazione, eccoti accontentato.
Basta sfogliare i quotidiano degli ultimi anni per accorgersi che non esistono più amministratori pubblici della caratura di Mattei. Dovunque ci si giri, è un susseguirsi di tesorieri che hanno fatto sparire i soldi dei rimborsi elettorali, cricche che speculano sulla ricostruzione di zone colpite da calamità, governatori regionali che hanno relazioni dubbie con personaggi tutt'altro che trasparenti, poltrone dirigenziali affidate a trombati della politica senza nessuna competenza specifica.

Se oggi si decidesse di nazionalizzare un'industria, a scegliere chi mettere nei ruoli chiave sarebbero gli stessi ci stanno così bene e onestamente governando.
L'hai detto tu stesso che non c'è più la classe dirigente di una volta.

Album: ~ La (gn)Yaris di mia moglie
kalokagathia21
Inserito 21/9/2012 7:12 PM (#433047 - in reply to #433013)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
labbio - 21/9/2012 5:03 PM
kalokagathia21 - 21/9/2012 2:42 PM
labbio - 21/9/2012 12:09 PM
Il problema è che il modello che hai in mente, l'Eni di Mattei, esiste solo nella tua testa. Oggi è non sarebbe più replicabile, è solo un'utopia.
Spiegare in modo analitico le ragioni delle proprie opinioni e non ergerle a verità assoluta. 


A parte che non ho eretto nessuna opinione a verità assoluta, ho semplicemente sintetizzato ritenendo sufficientemente semplice comprendere il discorso più ampio dietro la mia affermazione, eccoti accontentato.
Basta sfogliare i quotidiano degli ultimi anni per accorgersi che non esistono più amministratori pubblici della caratura di Mattei. Dovunque ci si giri, è un susseguirsi di tesorieri che hanno fatto sparire i soldi dei rimborsi elettorali, cricche che speculano sulla ricostruzione di zone colpite da calamità, governatori regionali che hanno relazioni dubbie con personaggi tutt'altro che trasparenti, poltrone dirigenziali affidate a trombati della politica senza nessuna competenza specifica.

Se oggi si decidesse di nazionalizzare un'industria, a scegliere chi mettere nei ruoli chiave sarebbero gli stessi ci stanno così bene e onestamente governando.
L'hai detto tu stesso che non c'è più la classe dirigente di una volta.

Quindi stavamo dicendo la stessa cosa, oggi le aziende pubbliche sono ostaggio di quelli che ho definito boiardi di Stato secondo le logiche di lottizzazione dei partiti al Governo. Esempi come quello di Finmeccanica e Fincantieri sono paradigmatiche di quello che dicevamo.
kalokagathia21
Inserito 21/9/2012 7:26 PM (#433049 - in reply to #248358)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
Marchionne cambia idea sugli aiuti di Stato portando l'esempio del Brasile.

L'incontro di domani col Governo lo vedrà arrivare col cappello in mano a chiedere altri soldi? Vedremo. 


Edited by kalokagathia21 21/9/2012 7:27 PM
KOKAL
Inserito 21/9/2012 7:37 PM (#433050 - in reply to #433049)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,40 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
kalokagathia21 - 21/9/2012 7:26 PM
Marchionne cambia idea sugli aiuti di Stato portando l'esempio del Brasile.

L'incontro di domani col Governo lo vedrà arrivare col cappello in mano a chiedere altri soldi? Vedremo. 


dallo stesso articolo:

Per quanto riguarda la Fiat - conclude Marchionne - l'ultima operazione del genere in Italia si è verificata all'inizio degli anni novanta per lo stabilimento di Melfi. Sappiamo bene che, considerando l'attuale quadro normativo europeo, simili condizioni di finanziamento non siano ottenibili nell'ambito dell'Unione Europea".

ed anche:

L'attesa per il vertice di Palazzo Chigi sale ma, a meno di eclatanti sorprese, domani Sergio Marchionne ripeterà al Governo quanto detto negli ultimi giorni: la Fiat resterà in Italia. Al presidente del Consiglio e ai ministri dello Sviluppo economico e del Lavoro, l'amministratore delegato del Lingotto ribadirà la sua linea.
L'azienda continuerà a operare in Italia grazie ai profitti realizzati all'estero, a quelli in particolare ottenuti in America della Chrysler. Ma per il mercato dell'auto europeo, i numeri sono tutt'altro che incoraggianti, il crollo delle vendite è a due cifre e tutte le case automobilistiche annaspano. Il Lingotto non è risparmiato dall'attuale congiuntura.


il tutto in risposta alle dichiarazioni odierne del Ministro per lo sviluppo economico Passera:

Passera: Fiat dica perché in Italia non guadagna


Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
kalokagathia21
Inserito 21/9/2012 7:54 PM (#433053 - in reply to #433050)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
KOKAL - 21/9/2012 7:37 PM
kalokagathia21 - 21/9/2012 7:26 PM
Marchionne cambia idea sugli aiuti di Stato portando l'esempio del Brasile.

L'incontro di domani col Governo lo vedrà arrivare col cappello in mano a chiedere altri soldi? Vedremo. 


dallo stesso articolo:

Per quanto riguarda la Fiat - conclude Marchionne - l'ultima operazione del genere in Italia si è verificata all'inizio degli anni novanta per lo stabilimento di Melfi. Sappiamo bene che, considerando l'attuale quadro normativo europeo, simili condizioni di finanziamento non siano ottenibili nell'ambito dell'Unione Europea".

ed anche:

L'attesa per il vertice di Palazzo Chigi sale ma, a meno di eclatanti sorprese, domani Sergio Marchionne ripeterà al Governo quanto detto negli ultimi giorni: la Fiat resterà in Italia. Al presidente del Consiglio e ai ministri dello Sviluppo economico e del Lavoro, l'amministratore delegato del Lingotto ribadirà la sua linea.
L'azienda continuerà a operare in Italia grazie ai profitti realizzati all'estero, a quelli in particolare ottenuti in America della Chrysler. Ma per il mercato dell'auto europeo, i numeri sono tutt'altro che incoraggianti, il crollo delle vendite è a due cifre e tutte le case automobilistiche annaspano. Il Lingotto non è risparmiato dall'attuale congiuntura.

Il senso di un messaggio come questo alla vigilia dell'incontro potrebbe essere: "Fiat va bene dove gli Stati mettono mano al portafoglio, non pensiate che domani basterà prendere un caffè e fare quattro chiacchiere per strappare impegni che non prevedano un a cosa simile in Italia". Poi, per evitare il montare della polemica ai telegiornali delle 8, smorza dicendo che in Europa non sarebbe concesso procedere come in Brasile. Ma, ovviamente, non c'è mai un'unica strada...

Edited by kalokagathia21 21/9/2012 7:58 PM
KOKAL
Inserito 21/9/2012 9:21 PM (#433063 - in reply to #433053)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,40 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
kalokagathia21 - 21/9/2012 7:54 PM
Il senso di un messaggio come questo alla vigilia dell'incontro potrebbe essere: "Fiat va bene dove gli Stati mettono mano al portafoglio, non pensiate che domani basterà prendere un caffè e fare quattro chiacchiere per strappare impegni che non prevedano un a cosa simile in Italia". Poi, per evitare il montare della polemica ai telegiornali delle 8, smorza dicendo che in Europa non sarebbe concesso procedere come in Brasile. Ma, ovviamente, non c'è mai un'unica strada...


In realtà il primo ad esordire è stato Passera che è in visita in Brasile ed ha fatto il parallelo tra l'ottima situazione Fiat in quel paese e quella estremamente complicata in Italia.Marchionne ha risposto secondo me omettendo anche il fatto principale: il mercato auto in Brasile è in piena espansione e di livello tecnologico assai inferiore rispetto a quello Italiano ed Europeo che in più oltre ad essere saturo risente anche della spirale recessiva dell'economia.

Se ci si pensa bene neppure Fiat in questo momento non ha alcun bisogno di sovvenzioni pubbliche per aprire nuovi stabilimenti in Italia ed anche gli incentivi alla vendita di automobili sarebbero un palliativo di dubbio effetto oltre che ovviamente a beneficio anche della concorrenza.
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
kalokagathia21
Inserito 22/9/2012 9:59 AM (#433084 - in reply to #433063)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
KOKAL - 21/9/2012 9:21 PM
kalokagathia21 - 21/9/2012 7:54 PM
Il senso di un messaggio come questo alla vigilia dell'incontro potrebbe essere: "Fiat va bene dove gli Stati mettono mano al portafoglio, non pensiate che domani basterà prendere un caffè e fare quattro chiacchiere per strappare impegni che non prevedano un a cosa simile in Italia". Poi, per evitare il montare della polemica ai telegiornali delle 8, smorza dicendo che in Europa non sarebbe concesso procedere come in Brasile. Ma, ovviamente, non c'è mai un'unica strada...


In realtà il primo ad esordire è stato Passera che è in visita in Brasile ed ha fatto il parallelo tra l'ottima situazione Fiat in quel paese e quella estremamente complicata in Italia.Marchionne ha risposto secondo me omettendo anche il fatto principale: il mercato auto in Brasile è in piena espansione e di livello tecnologico assai inferiore rispetto a quello Italiano ed Europeo che in più oltre ad essere saturo risente anche della spirale recessiva dell'economia.

Se ci si pensa bene neppure Fiat in questo momento non ha alcun bisogno di sovvenzioni pubbliche per aprire nuovi stabilimenti in Italia ed anche gli incentivi alla vendita di automobili sarebbero un palliativo di dubbio effetto oltre che ovviamente a beneficio anche della concorrenza.
Come ho spiegato, non esiste un'unica strada per sovvenzionare un'azienda privata: sgravi fiscali sulla manodopera, l'energia e i trasporti o finanziamenti a fondo perduto per ristrutturare gli impianti aperti a tutte le industrie del settore sortirebbero lo stesso effetto e rispetterebbero i paletti imposti dall'Europa in tema di aiuti di Stato e concorrenza. Rimane tuttavia singolare che lo stesso Marchionne che per anni ha ripetuto di non volere sovvenzioni pubbliche e cercato di passare come l'ottimo manager in grado di salvare un'azienda morta con le sue capacità ora ci dica che il merito è proprio dei soldi messi dagli Stati in cui è andato.
Sarà la conferma che l'intenzione originaria era proprio di lasciare l'Italia non creando situazioni che lo vincolassero?


Edited by kalokagathia21 22/9/2012 10:17 AM
carmine66
Inserito 22/9/2012 11:47 AM (#433095 - in reply to #248358)


1.9 JTDM Owner
Argento Alfa
Partecipazione ai raduni
Posts: 1129
1.506,47 ore

100010025

Pontecagnano Faiano (SA)

Propongo l'intervista di De Bendetti sul sole 24 ore....mi sembra un interessante spunto di riflessione:

De Benedetti: "Ammiro Marchionne ma Fabbrica Italia era una favola" - Economia e Finanza con Bloomberg - Repubblica.it
http://www.repubblica.it/economia/2012/09/22/news/de_benedetti_l_industria_investa_senza_tecnologia_gi_sconfitta-43023128/?ref=HREA-1



Edited by carmine66 22/9/2012 12:05 PM
Album: ~ Gara di Kart autodromo del Sele ~ La mia 159 1.9 jtdm 16V argento alfa ~ Raduno di Altomonte
KOKAL
Inserito 22/9/2012 12:16 PM (#433099 - in reply to #433084)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,40 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
kalokagathia21 - 22/9/2012 9:59 AM
Come ho spiegato, non esiste un'unica strada per sovvenzionare un'azienda privata: sgravi fiscali sulla manodopera, l'energia e i trasporti o finanziamenti a fondo perduto per ristrutturare gli impianti aperti a tutte le industrie del settore sortirebbero lo stesso effetto e rispetterebbero i paletti imposti dall'Europa in tema di aiuti di Stato e concorrenza. Rimane tuttavia singolare che lo stesso Marchionne che per anni ha ripetuto di non volere sovvenzioni pubbliche e cercato di passare come l'ottimo manager in grado di salvare un'azienda morta con le sue capacità ora ci dica che il merito è proprio dei soldi messi dagli Stati in cui è andato.
Sarà la conferma che l'intenzione originaria era proprio di lasciare l'Italia non creando situazioni che lo vincolassero?


In realtà continuo a non capire come tutte queste altre forme di sussidio pubblico alla produzione di vetture Fiat in stabilimenti italiani possano incidere sul problema principale che è quello di un crollo della domanda per questo bene.Per ridurre i costi di manodopera a Fiat basta accedere (e già lo fa) ai normali strumenti di ammortizzatori sociale, incluso quello straordinario della cassa in deroga.Circa sgravi fiscali, contributi su energia e trasporti oltre che su ristrutturazioni di stabilimenti altrettanto visto che il problema continua ad essere il fatto che non c'è nulla da produrre visto che non si vende.

Inoltre in tema di finanziamenti pubblici, non mi risulta che sia Fiat ad essere sotto inchiesa UE cos' come oltralpe altri competitors di Fiat negoziano aiuti di stato.
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
KOKAL
Inserito 22/9/2012 12:26 PM (#433100 - in reply to #433095)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,40 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
carmine66 - 22/9/2012 11:47 AM

Propongo l'intervista di De Bendetti sul sole 24 ore....mi sembra un interessante spunto di riflessione:

De Benedetti: "Ammiro Marchionne ma Fabbrica Italia era una favola" - Economia e Finanza con Bloomberg - Repubblica.it
http://www.repubblica.it/economia/2012/09/22/news/de_benedetti_l_industria_investa_senza_tecnologia_gi_sconfitta-43023128/?ref=HREA-1



E' interessante il fatto che molti tra i protagonisti del "miracolo della de-industrializzazione" Italiana escano fuori in questi frangenti per sentenziare su aziende che, la loro storia di imprenditori/manager insegna, sarebbero solo in grado di far fallire.I vari De Benedetti,Romiti e compagnia cantante sono tutti personaggi assai ambigui dal dubbio apporto alla storia industriale di questo paese, salvo travestirsi da nuovi gotha dell'industria dell'auto in un momento dove i problemi sono veri e vanno affrontanti in maniera seria e non con qualche intervista sulla carta patinata tanto per guadagnare un po' di visbilità.
Quando parla Romiti ad esempio a me viene il voltastomaco in considerazione del fatto che se l'industria dell'auto in Italia ha questi problemi oggi è anche grazie al suo operato, in connubio con la classe politica dell'epoca.
Neppure l'eleganza di tacere gli appartiene.
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
carmine66
Inserito 22/9/2012 12:43 PM (#433105 - in reply to #433100)


1.9 JTDM Owner
Argento Alfa
Partecipazione ai raduni
Posts: 1129
1.506,47 ore

100010025

Pontecagnano Faiano (SA)
KOKAL - 22/9/2012 12:26 PM
carmine66 - 22/9/2012 11:47 AM

Propongo l'intervista di De Bendetti sul sole 24 ore....mi sembra un interessante spunto di riflessione:

De Benedetti: "Ammiro Marchionne ma Fabbrica Italia era una favola" - Economia e Finanza con Bloomberg - Repubblica.it
http://www.repubblica.it/economia/2012/09/22/news/de_benedetti_l_industria_investa_senza_tecnologia_gi_sconfitta-43023128/?ref=HREA-1



E' interessante il fatto che molti tra i protagonisti del "miracolo della de-industrializzazione" Italiana escano fuori in questi frangenti per sentenziare su aziende che, la loro storia di imprenditori/manager insegna, sarebbero solo in grado di far fallire.I vari De Benedetti,Romiti e compagnia cantante sono tutti personaggi assai ambigui dal dubbio apporto alla storia industriale di questo paese, salvo travestirsi da nuovi gotha dell'industria dell'auto in un momento dove i problemi sono veri e vanno affrontanti in maniera seria e non con qualche intervista sulla carta patinata tanto per guadagnare un po' di visbilità.
Quando parla Romiti ad esempio a me viene il voltastomaco in considerazione del fatto che se l'industria dell'auto in Italia ha questi problemi oggi è anche grazie al suo operato, in connubio con la classe politica dell'epoca.
Neppure l'eleganza di tacere gli appartiene.

Al di la dei vari personaggi, la cui storia personale può essere più o meno criticabile, senza perdere di vista il contesto sociale e storico nel quale hanno operato, mi interessavano le considerazione espresse nell'intervista che in parte sono da me condivise.

Album: ~ Gara di Kart autodromo del Sele ~ La mia 159 1.9 jtdm 16V argento alfa ~ Raduno di Altomonte
KOKAL
Inserito 22/9/2012 1:06 PM (#433111 - in reply to #433105)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,40 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
carmine66 - 22/9/2012 12:43 PM
Al di la dei vari personaggi, la cui storia personale può essere più o meno criticabile, senza perdere di vista il contesto sociale e storico nel quale hanno operato, mi interessavano le considerazione espresse nell'intervista che in parte sono da me condivise.


Si Carmine ma infatti il mio post era un commento all'intervista, non di certo una critica al fatto che tu l'abbia segnalata, anzi...
Il fatto è che con i soliti buoni propositi del "made in Italy",della capacità della nostra gente di sfruttare periodi buii per investire e risollevarsi etc..etc.. sono considerazioni generali che vanno verificate caso per caso e non possono certo esser prese a memorandum da chi guida il più grosso gruppo industriale italiano e le problematiche che si porta dietro da decenni aggravate dalla congiuntura economica di quest'epoca.Abbiamo più volte detto che sbagliare anche un solo investimento per Fiat oggi puo' voler dire chiudere baracca e burattini e credo sia la cosa che chiunque, anche su questo forum, speri si eviti in ogni modo: a tal riguardo io già tremo per la 500L....
Per farti un esempio lampante riferito all'intervista di De Benedetti circa la superficialità con cui affronta le realtà della questione Fiat ti cito questo passaggio:

"Quando furono annunciati gli investimenti da 20 miliardi - sottolinea De Benedetti a proposito dell'impegno assunto dal Lingotto sull'Italia - il calo delle immatricolazioni in Europa era già in corso. Da 16 milioni di vetture nel 2007 a 13,8 nel 2010. Quindi il quadro non è così cambiato. Ma soprattutto quella cifra era dall'inizio chiaramente sovradimensionata: da una parte non è nelle disponibilità di cassa di Fiat; dall'altra equivarrebbe alla spesa necessaria per far nascere 20 fabbriche nuove. Un'assurdità".


A chi ha un minimo di cognizione logica non sarà sfuggito il fatto che i 20 miliardi di investimento erano per la maggior parte stanziati per i nuovi modelli e non per aprire nuove fabbriche visto che già ce ne sono in abbondanza.Al massimo una parte minore di quella cifra sarebbe andata per ristrutturare gli stabilimenti ed ammodernare le linee di produzione, ma la parte del leone la fanno i costi per progettare e sviluppare le nuove vetture, i nuovi motori e via discorrendo.
Giusto per dare un'idea: fare la nuova Panda e produrla a Pomigliano è costato un investimenti di quasi un miliardo di euro.Fare una nuova 159 oggi richiederebbe circa il doppio dei soldi.
Ecco che salta fuori che quei 20 miliardi sarebbero serviti per fare 12-15 nuove vetture e non 20 nuovi stabilimenti.
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
carmine66
Inserito 22/9/2012 1:16 PM (#433112 - in reply to #433111)


1.9 JTDM Owner
Argento Alfa
Partecipazione ai raduni
Posts: 1129
1.506,47 ore

100010025

Pontecagnano Faiano (SA)

KOKAL - 22/9/2012 1:06 PM
carmine66 - 22/9/2012 12:43 PM
Al di la dei vari personaggi, la cui storia personale può essere più o meno criticabile, senza perdere di vista il contesto sociale e storico nel quale hanno operato, mi interessavano le considerazione espresse nell'intervista che in parte sono da me condivise.


Si Carmine ma infatti il mio post era un commento all'intervista, non di certo una critica al fatto che tu l'abbia segnalata, anzi...


Per farti un esempio lampante riferito all'intervista di De Benedetti circa la superficialità con cui affronta le realtà della questione Fiat ti cito questo passaggio:

"Quando furono annunciati gli investimenti da 20 miliardi - sottolinea De Benedetti a proposito dell'impegno assunto dal Lingotto sull'Italia - il calo delle immatricolazioni in Europa era già in corso. Da 16 milioni di vetture nel 2007 a 13,8 nel 2010. Quindi il quadro non è così cambiato. Ma soprattutto quella cifra era dall'inizio chiaramente sovradimensionata: da una parte non è nelle disponibilità di cassa di Fiat; dall'altra equivarrebbe alla spesa necessaria per far nascere 20 fabbriche nuove. Un'assurdità".


A chi ha un minimo di cognizione logica non sarà sfuggito il fatto che i 20 miliardi di investimento erano per la maggior parte stanziati per i nuovi modelli e non per aprire nuove fabbriche visto che già ce ne sono in abbondanza.Al massimo una parte minore di quella cifra sarebbe andata per ristrutturare gli stabilimenti ed ammodernare le linee di produzione, ma la parte del leone la fanno i costi per progettare e sviluppare le nuove vetture, i nuovi motori e via discorrendo.
Giusto per dare un'idea: fare la nuova Panda e produrla a Pomigliano è costato un investimenti di quasi un miliardo di euro.Fare una nuova 159 oggi richiederebbe circa il doppio dei soldi.
Ecco che salta fuori che quei 20 miliardi sarebbero serviti per fare 12-15 nuove vetture e non 20 nuovi stabilimenti.

Certo Kokal non avevo preso il tuo commento come critica alla mia segnalazione

Per quanto riguarda ciò che ha detto De Benedetti sui 20 miliardi io non credo che lui pensasse che i 20 miliardi erano da investire in 20 stabilimenti nuovi, mi sembra volesse intendere che l'investimento previsto era, a causa delle condizioni esistenti, talmente una sparata grossa in quanto addirittura paragonabile alla spesa necessaria a realizzare 20 nuovi stabilimenti. Io l'ho interpretato così. (non so se sono stato chiaro)

Invito cmq a leggere l'intero articolo sul sole 24 ore. Non mi sembra si esprimano concetti superficiali, si parla di idee e strategie per le aziende italiane nel contesto globale in cui viviamo.



Edited by carmine66 22/9/2012 1:45 PM
Album: ~ Gara di Kart autodromo del Sele ~ La mia 159 1.9 jtdm 16V argento alfa ~ Raduno di Altomonte
kalokagathia21
Inserito 22/9/2012 5:26 PM (#433143 - in reply to #248358)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
E' industrialmente sostenibile trasferire in Italia la produzione di un modello segmento A, per di più a fine ciclo di vita?

Comprex
Inserito 22/9/2012 9:30 PM (#433174 - in reply to #433143)


1.9 JTDM Owner
Argento Alfa
Posts: 1068
297,90 ore

10002525

Roma
kalokagathia21 - 22/9/2012 5:26 PM
E' industrialmente sostenibile trasferire in Italia la produzione di un modello segmento A, per di più a fine ciclo di vita?

sti cacchi della panda, io rivoglio la 159

Album: ~ varie
KOKAL
Inserito 22/9/2012 10:04 PM (#433176 - in reply to #248358)


Moderatore
2.4 JTDM SW Q Owner
Nero pastello
"rapido come una mangusta"

Utente del mese Maggio 2008
Partecipazione ai raduni

Posts: 12588
4.671,40 ore

500050002000500252525

Chiavari (GE)
In allegato il comunicato stampa congiunto di Governo e vertici di Fiat dopo l'inontro odierno durato oltre 5 ore.




Attachments 1348343528760_comunicato.pdf (98KB - 4 downloads)
Album: ~ La Pantera ~ Incontro Emilia - Lunigiana e dintorni 14-11-2010 ~ II° Raduno Ligure: 25-26/07/2010
marco1975
Inserito 22/9/2012 10:05 PM (#433177 - in reply to #248358)


Tutor
2.4 JTDM SW Q4 Owner
Nero carbonio
Utente del mese Agosto 2010

Posts: 3701
811,02 ore

20001000500100100

parigi / ginevra / cuneo

La soluzione al problema é l'export verso i mercati che ancora hanno un futuro.

Dopotutto la Spagna, paese in stato di fallimento, produce molte più auto di quante se ne vendano.

Gli stipendi e il costo del lavoro in Spagna non sono molto inferiori a quelli italiani.

Penso che lo stato dovrebbe favorire degli investimenti industriali come Serbia e Brasile, assicurandosi che il piano sia interessante per la Fiat e per altre ditte concorrenti. Magari uno dei 4 stabilimenti Fiat d'assemblaggio rimasti potrebbe essere venduto (per Termini penso che manco gratis qualcuno lo vorrebbe, ahimé). Per gli altri stabilimenti, la maggior parte della produzione dovrebbe essere indirizzata all'export, cioé dei modelli vendibili anche negli USA... ergo Fiat 500X/Jeepster.

Alfa 159 FOREVER

Album: ~ dedra integrale 1991 grigio quartz - interni alcantara blu ~ Retromobile 2014 Parigi ~ 159 2.4 JTDm Q4 Nero Carbonio - Interni pelle beige
SportKnight
Inserito 22/9/2012 10:52 PM (#433180 - in reply to #248358)


1.9 JTDM SW Owner
Nero carbonio
Utente del mese Dicembre 2010

Utente del mese Novembre 2014

Posts: 5487
1.782,58 ore

5000100100100100252525

Matera
letto il comunicato stampa...in pratica si sono presi un aperitivo e non sono arrivati e niente di concreto...
Album: ~ il book fotografico di SportKnight - Pantera e non solo!! ~ Primo Incontro Sacco(Sa) Campania
kalokagathia21
Inserito 23/9/2012 9:56 AM (#433191 - in reply to #248358)


Alfista D.O.C.
Posts: 671
333,55 ore

5001002525

Torino
Bastava un "vedremo che fare" ed il succo sarebbe stato lo stesso. In 5 ore di gioco mio nipote conclude di più.

Edited by kalokagathia21 23/9/2012 10:17 AM
Pagina: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42 43 44 45 46 47 48 49 50 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 61 62 63 64 65 66 67 68 69 70 71 72 73 74 75 76 77 78 79 80 81 82
Printer friendly version
E-mail a link to this thread
Jump to forum :

86390651 clicks e 5649324 sessioni dal 13/11/2005


Search | Articoli | Mappa | Stats | Utenti | Owner list | Webmail | Regole | HitParade | Forums | Calendars | Albums |

(Delete all cookies set by this site)
Torna su


Questo sito utilizza Google Analytics e supporta Firefox